D-Wave porta il processore quantico sul cloud di Leap

D-Wave porta il processore quantico sul cloud di Leap

D-Wave Systems ha annunciato la disponibilità del 2000Q sul servizio cloud Leap, per prestazioni migliori e risultati più precisi

D-Wave ha confermato che il suo servizio di cloud, Leap, presto beneficerà della potenza quantistica di D-Wave 2000Q. Inoltre, l’hardware presenta oggi delle tecnologie a lower-noise, rumore ridotto, che renderanno l’utilizzo sicuramente migliore. Il produttore aveva pubblicato di recente una ricerca, poi ripresa dalla rivista Science, in cui evidenziava risultati sperimentali che confermavano una correlazione positiva tra la riduzione del rumore e prestazioni migliorate, una velocità 25 volte maggiore nella risoluzione dei problemi.

Nella pratica, avere un più alto lower-noise, porterebbe il calcolo quantistico a eseguire una quantità più elevata di operazioni, che sarebbero limitati in versioni del prodotto tradizionali (ma sempre quantistiche, ovviamente). Oltre a ciò, si otterrebbero inferenze più precise, a fronte di una disponibilità di tempo allargata per più calcoli.

Futuro vicino

D-Wave ha osservato che il processore 2000Q a ​​basso rumore è disponibile solo per i suoi clienti cloud. È il modo in cui la società canadese mette in evidenza la propria strategia per fornire costantemente un chip quantisticco e aggiornamenti software attraverso la nuvola. A febbraio, era stata presentata in anteprima la piattaforma di calcolo di prossima generazione in arrivo nel 2020. In quell’occasione, la compagnia aveva mostrato la nuova topologia e l’aumento del numero di qubit. La novità è che tale soluzione acquista un rumore minore, a beneficio di Leap.

Per questo, proprio Leap offre adesso due versioni della stessa architettura computerizzata quantistica con diversi livelli di rumore a migliaia di sviluppatori, ricercatori e aziende. Ciò consente agli utenti di quantificare l’impatto sulle prestazioni rispetto a quanto ottenevano prima. Ad oggi, i clienti di D-Wave hanno sviluppato oltre 150 applicazioni per compagnie aeree, elezioni, simulazioni di chimica quantistica, progettazione automobilistica, assistenza sanitaria preventiva, logistica e molto altro.

Leggi anche:  Oracle OpenWorld: per un mondo sempre più cloud