“Digital privacy fatigue”: cresce la preoccupazione per la gestione dei dati online

“Digital privacy fatigue”: cresce la preoccupazione per la gestione della privacy online

Secondo la nuova ricerca condotta da Kaspersky Lab, in tema di privacy, circa un utente su tre (il 32,3% a livello globale e il 24,8% in Italia) ha dichiarato di non sapere come proteggere del tutto la propria privacy online

Vista la quantità di dati personali condivisi su Internet che continua a crescere, molte persone sono arrivate a pensare che qualsiasi tentativo di salvaguardare la propria privacy online sia ormai destinato a fallire. Nel corso dell’ultima ricerca condotta sul tema da Kaspersky Lab circa un utente su tre (il 32,3% a livello globale e il 24,8% in Italia) ha dichiarato di non sapere come proteggere del tutto la propria privacy online. Questo senso di impotenza nei confronti dei problemi legati alla privacy digitale, definito “privacy fatigue” (stanchezza da privacy), si associa spesso e paradossalmente alla tendenza ad una condivisione eccessiva di informazioni sui social network, senza prestare attenzione ai possibili rischi per la sicurezza. In questo momento è importante non abbassare la guardia: un atteggiamento poco consapevole o superficiale nei confronti della privacy online potrebbe portare gli utenti a diventare un bersaglio facile per i cybercriminali.

In questo preciso momento storico, nel quale nove persone su dieci a livello globale (89,3%) e addirittura il 97,4% a livello italiano, dichiarano di essere online più volte al giorno, Internet è diventato qualcosa di essenziale per tutti. Questa tendenza ha portato gli utenti ad affrontare una sfida enorme: quella di tenere sotto controllo tutti i loro dati personali online. Secondo un recente sondaggio condotto da Kaspersky Lab, quasi un utente su cinque (17,3%) ha dichiarato di aver visto online informazioni private, o su sé stesso o sui propri familiari, che non avrebbero dovuto essere di dominio pubblico. Relativamente al campione italiano, questa percentuale è leggermente più bassa, al 10,5%. Questo dato, a livello generale, sale a quasi un quarto (22,3%) degli intervistati se si considerano le persone che hanno dei figli sotto i 18 anni.

Leggi anche:  Cybersecurity, il 4 ottobre al Security Summit di Verona lo stato dell’arte

L’inutile sforzo che alcuni fanno per essere meno visibili su Internet porta ad una condizione chiamata “privacy fatigue” (letteralmente, stanchezza da privacy). La “privacy fatigue” si collega al vivere sempre sotto pressione, con una sensazione costante che terze persone possano approfittare delle informazioni personali e che ogni forma di resistenza verso questo fenomeno sia inutile. Alcuni, infatti, pensano di non essere in grado di opporsi alla violazione della loro privacy digitale. Circa un terzo (il 32,3% a livello globale e il 24,8% in Italia) delle persone coinvolte nel sondaggio di Kaspersky Lab ha dichiarato di non sapere come fare a proteggere pienamente la propria privacy online, mentre un utente su dieci (13,4%) avrebbe perso del tutto interesse rispetto a come migliorare ulteriormente il proprio livello di privacy (in Italia siamo quasi al 10%).

Questo senso di inadeguatezza nei confronti delle questioni relative alla privacy ha influenzato anche il comportamento online delle persone. Circa un quinto (18,9% a livello globale e 17,2% per il campione italiano) degli intervistati ammette di non compiere alcuno sforzo ulteriore (come cancellare regolarmente la propria cronologia di navigazione o utilizzare speciali componenti aggiuntivi per bloccare le funzioni di monitoraggio online) per la protezione della propria privacy mentre naviga su Internet dai propri dispositivi.

Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab ha commentato: “La crescita dei casi di violazione dei dati, insieme alle difficoltà che si possono incontrare nella gestione dei dati personali online, porta spesso gli utenti a percepire una sorta di perdita di controllo; pensare alla loro privacy digitale è qualcosa di stancante o faticoso. Anche se non esistono soluzioni definitive, ci sono comunque tanti modi grazie ai quali è possibile ridurre i rischi. Al primo posto c’è una basilare attitudine alla “cyber hygiene”, ma è importante anche dotarsi di strumenti avanzati e di tecnologie che sono in grado di aiutare le persone a tenere sotto controllo lo stato della loro privacy digitale.”

Leggi anche:  Il mondo del gaming nel mirino degli hacker

Questa sorta di “apatia” sul lungo periodo può anche portare a conseguenze problematiche. Oggi sono molti i cybercriminali che sono disposti a sfruttare la privacy delle persone per trarre un profitto di carattere economico, anche manipolando le informazioni degli utenti.

Per proteggere al meglio la propria privacy digitale, Kaspersky Lab consiglia di:

  • Iniziare a gestire in modo consapevole la propria vita digitale: è importante avere una lista dei propri account e controllare regolarmente se i dati sono diventati accessibili a livello pubblico. È utile anche avere un secondo account per le email.
  • Utilizzare tool digitali speciali che permettono di navigare online in modo sicuro, come il Private Browsing, ad esempio, o verificare che applicazioni non attendibili non abbiano accesso alla webcam o al microfono dei dispositivi connessi.
  • Installare delle soluzioni di sicurezza affidabili che includano anche un insieme di funzionalità per ridurre al minimo gli eventuali rischi di una violazione della privacy, come, ad esempio, Kaspersky Security Cloud, Kaspersky Secure Connection o Kaspersky Password Manager.