Perché le agenzie spaziali stanno simulando la catastrofe con un’asteroide

Perché le agenzie spaziali stanno simulando la catastrofe con un’asteroide

Un esperimento che prosegue in tempo reale su Twitter e che mette in mostra tutte le possibili via di uscita nel caso di una collisione con la Terra

Secondo le più recenti analisi, il 13 aprile 2029 un asteroide si avvicinerà a circa 30 mila chilometri di distanza dalla superficie della Terra. Se fosse più vicino il rischio di schianto sarebbe alquanto catastrofico. L’eventualità è possibile? Questa è la domanda che le agenzie spaziali di tutto il mondo si stanno facendo questa settimana, lavorando per simulare il temibile (quanto improbabile) incidente. La teoria è questa: un gruppo di partecipanti non sa come si svilupperà l’esercizio da un giorno all’altro e dovranno fare piani in base alle informazioni fornite dall’ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA, che gestisce l’evento. All’inizio dello scenario, l’International Asteroid Warning Network identifica un asteroide che sembra innocuo e che poi assume, con l’avvicinarsi del tempo, una più alta percentuale di colpire la Terra. Dal 2027, gli scienziati hanno due anni per mettere in piedi un piano strategico di salvezza e messa in sicurezza.

Cosa vedremo nel 2029

Le cose diventano più difficili con il progredire della situazione, e la possibilità di un successo si attesta vicina al 10%, in base alle informazioni extra raccolte dai telescopi di tutto il mondo. Come riporta The Verge, l’esercizio che la NASA non è poi così raro, visto che anche altre agenzie in giro per il mondo eseguono ogni anno test simili, per essere preparate al peggio. Il Jet Propulsion Laboratory della NASA pubblica report giornalieri sull’iniziativa e si può tenere traccia dell’esercitazione dal vivo sul feed della ESA Operations su Twitter. Nessuno dei piani finora ha coinvolto qualche supereroe oppure previsto il lancio di una bomba nucleare al centro dell’asteroide però l’ESA ha realizzato un trailer alquanto drammatico che si può guardare qui sopra.

Leggi anche:  Carrefour: la spesa online è facile con Auto-Add