Zucchetti: la prima vittoria italiana per i Mondiali del 2022

Zucchetti: la prima vittoria italiana per i Mondiali del 2022

L’Italia è già uno dei protagonisti alla Coppa del Mondo FIFA 2022, almeno dal punto di vista tecnologico

Gli stadi del Qatar infatti parlano italiano grazie a Zucchetti che, dopo il Khalifa International Stadium, ha vinto nella primavera del 2018, la gara per la gestione della sicurezza e il controllo degli accessi dello stadio futuristico di Al Wakrah attualmente noto come Stadio Al Janoub.

L’impianto sportivo di Al Janoub è il primo degli otto stadi in cui si svolgerà la prossima Coppa del Mondo FIFA, la prima ad essere giocata in inverno e l’ultima a prevedere la partecipazione di 32 squadre anziché 48 (a partire dal 2026 infatti il Mondiale verrà esteso ad altre nazioni). Un simbolo importante quindi per tutti gli amanti del calcio e non solo, che ha affidato a Zucchetti la gestione di uno degli aspetti più importanti: la sicurezza.

Il sistema di accessi è composto da un totale di 72 varchi con tornelli a tripode, 10 portelli motorizzati per disabili, 2 ingressi VIP e 8 palmari per ingressi VVIP, la sua installazione si è svolta in soli due mesi tra il marzo e l’aprile scorsi.

I terminali Zucchetti racchiudono in un design elegante e 100% made in Italy, innovazione, tecnologia, robustezza e praticità e garantiscono un perfetto equilibrio operativo tra sicurezza, comfort e libertà di movimento. Essi dispongono di display grafici da 7 pollici ad alta luminosità su ambo i lati per dare informazioni differenti a spettatori e operatori, e sono in grado di leggere tutti i tipi di biglietti: da quelli tradizionali in carta, agli smartphone, passando per biglietti print@home e RFID/NFC. Questo garantisce semplicità d’uso, velocità di lettura e massima visibilità (grazie all’inclinazione dei display). Inoltre come già sperimentato in altri grandi eventi di cui Zucchetti si è occupata, il controllo accessi è perfettamente integrato con sistemi di terze parti quali Ticketing, BMS (building management system), FAS (Fire Alarm System) e Parking.

Leggi anche:  Samsung con Habble per la gestione della spesa in mobilità

Un prodotto insomma che perfettamente si sposa sia con le esigenze tradizionali di tutti i luoghi preposti ad ospitare un cospicuo numero di individui (che in questo caso arriva infatti fino ad una capienza di 40.000 persone circa), che con le esigenze estetiche di un progetto dal design attento e ricercato.

Inaugurato il 16 maggio con la finale della Amir Cup 2019 infatti, lo stadio Al Janoub è stato progettato da Zaha Hadid, la prima donna a ricevere il Pritzker Architecture Prize – uno dei premi di architettura più importanti al mondo – ed è ispirato alle vele delle Dhow, imbarcazioni tipiche del Golfo Persico.

“Un progetto elegante e raffinato che rappresenta un importante risultato per il Gruppo Zucchetti in quanto finora sono stati realizzati solo due stadi in vista del Mondiale del 2022 in Qatar e l’implementazione di sistemi di sicurezza è stata, in entrambi i casi, assegnata a noi – afferma Marco Marchetti responsabile della BU di Security & Automation di Zucchetti – a dimostrazione del fatto che le nostre soluzioni rappresentano l’eccellenza sia in Italia che all’estero.”

“Ho avuto l’onore di assistere alla grandiosa inaugurazione di Al Janoub, uno spettacolo senza sosta al quale erano presenti anche l’Emiro del Qatar e il Presidente della FIFA – dichiara Gilberto Polledri, responsabile area Sport & Events di Zucchetti – in questa occasione è stato anche usato per la prima volta il sistema di controllo accessi che ha, come previsto, funzionato perfettamente. Siamo molto orgogliosi di essere parte di questo capolavoro dell’architettura moderna”.