Il 38,3% degli italiani rinuncerebbe ai social per riavere la privacy

Il 38,3% degli italiani rinuncerebbe ai social media per riavere la privacy sui propri dati

E’ quanto emerge dallo studio di Kaspersky, dal titolo “The true value of digital privacy: are consumers selling themselves short?”

In un recente studio di Kaspersky, dal titolo “The true value of digital privacy: are consumers selling themselves short?”, più della metà degli utenti europei (56,8%) e il 38,3% di quelli italiani avrebbero dichiarato di essere disposti a rinunciare ai loro account sui social media in cambio di privacy a vita per i loro dati. Le paure legate al tema della protezione della privacy digitale hanno reso gli utenti sempre più preoccupati per quanto riguarda il possibile utilizzo e la diffusione delle informazioni personali su Internet. Il report di Kaspersky illustra anche come e perché le informazioni personali degli utenti stiano diventando incredibilmente preziose per loro.

I social media come Facebook, Instagram o Twitter sono diventati una parte significativa delle nostre vite e, secondo lo studio realizzato da Kaspersky sul tema, il 76,4% delle persone intervistate a livello europeo ora li utilizza. Questa percentuale sale ad un vertiginoso 88,3% per l’Italia. In cambio dei dati degli utenti, queste piattaforme social offrono alle persone l’opportunità di esprimersi, di comunicare con i propri amici e familiari, ma anche di scoprire notizie, idee e tendenze senza uscire di casa.

Nonostante i diversi benefici che si possono avere, alcune persone preferirebbero comunque abbandonare il mondo dei social media se questo potesse contribuire a mettere per sempre al sicuro la loro privacy digitale.

Tra le persone che hanno scelto di fornire i propri dati personali per partecipare a quiz divertenti, come quelli sulle somiglianze con le celebrità o i piatti preferiti, l’8,5% degli utenti europei – e il 7,1% di quelli italiani – dichiara che non lo rifarebbe. La situazione potrebbe essere ancora più problematica per il 58% degli intervistati, utenti che non sarebbero più disposti a utilizzare i propri dati di login sui social per autenticarsi in modo rapido e comodo su diversi siti web o servizi online.

Leggi anche:  Achab e Webroot, insieme per la sicurezza

Lo studio rileva un dato ancor più sorprendente: in questo preciso momento storico, in cui il numero di utenti di telefonia mobile aumenta del 2% su base annua, più di un utente su quattro in Europa (27,3%) ha dichiarato che sarebbe disposto a dire addio al proprio telefono se avesse in cambio la garanzia della privacy a vita per i suoi dati personali. Questo dato per l’Italia, però, supera di poco il 18%.

I social media vivono oggi una fase particolare: la qualità dell’esperienza di un utente dipende, per la maggior parte, dalla quantità di informazioni personali che vengono fornite. Le informazioni possono essere di vario tipo: relative alle finanze, alla localizzazione, alle preferenze nelle abitudini di acquisto o nei gusti alimentari, alle relazioni personali. Alla luce di questo, l’emergere di una sorta di sentimento nostalgico verso una privacy dei dati apparentemente persa per sempre non sorprende.

Purtroppo, anche rinunciare del tutto alla propria presenza sui social media non sarebbe sufficiente per proteggere la privacy digitale. Si tratta di un processo e non di un accordo da negoziare “una tantum”.

“Anni fa, le persone hanno scelto di condividere le loro informazioni personali con i servizi di social media in cambio di diversi benefici, senza nemmeno pensare alle potenziali minacce e alle conseguenze. Con l’aumento dei data leak in tutto il mondo, stiamo assistendo a una nuova tendenza da parte degli utenti. Molti preferiscono che le informazioni su di loro restino private e prestano maggiore attenzione a ciò che condividono online. Tuttavia, la maggioranza delle persone ancora non sa come proteggere la propria privacy digitale e preferirebbe rinunciare ai social media pur di garantire la sicurezza per le proprie informazioni. Mantenere le informazioni personali al sicuro – aggiornando regolarmente le password degli account sui social media e utilizzando opportune soluzioni di sicurezza – darà agli utenti maggiore fiducia per quanto riguarda la sicurezza online dei loro dati”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky.

Leggi anche:  Kaspersky Lab rileva il secondo exploit zero-day per Microsoft Windows nel giro di un mese

Kaspersky fornisce alcuni consigli agli utenti per proteggere la loro privacy digitale:

  • Controllare regolarmente le impostazioni della privacy sui social media e scegliere password complesse per gli account in uso.
  • Non aprire o salvare file sconosciuti, dal momento che potrebbe trattarsi di file malevoli.
  • Non farsi ingannare da persone sospette che promettono cose di valore in cambio dei dati e non condividere troppi dettagli di carattere personale.
  • Non utilizzare la stessa password per più di un sito web o di un servizio.
  • Iniziare a utilizzare soluzioni di sicurezza affidabili, con funzionalità che riducano al minimo i rischi di violazione della privacy, come Kaspersky Security Cloud, Kaspersky Secure Connection e Kaspersky Password Manager.