Apple e la fine del Genio

Jony Ive lascia Apple

Jony Ive lascia Apple per tuffarsi in un’esperienza imprenditoriale, tinta anche della Mela, con lui scompare l’idea di Steve Jobs del genio creativo

Jony Ive è stata una figura oltre che influente per Apple, una persona singolare che ha guidato il design non solo dei prodotti della casa di Cupertino ma dell’industria hi-tech-pop in generale. L’unica che poteva rivendicare lo stesso livello di fama e influenza era Steve Jobs. Via loro due, per motivi ahimè differenti, l’era del genio di Apple si conclude qua. Ive se ne andrà a lavorare per sé, con un’azienda indipendente tra i cui clienti spicca anche Apple, ovviamente. Tim Cook ha dato al Financial Times un motivo per non disperare, calmando coloro che sostengono che, senza il creativo per eccellenza, Apple è in guai: “La compagnia segue una strategia orizzontale. La ragione per cui non è mai un problema quando qualcuno se ne va è che le decisioni più importanti vengono prese da una serie di individui che formano un gruppo, a seconda della natura di come operiamo”.

Cosa succederà adesso

In Apple le decisioni arrivano da un consenso del team anziché da una sola persona. Eppure Apple è nata e si è affermata per la genialità dei singoli. E non intendo il genio come “molto intelligente”, ma come il Genio romantico, che è in contatto con il sublime in un modo incomprensibile per il resto di noi. Per quanto ne sappiamo, saranno due le figure pronte a sostituire Ive, che riporteranno al COO, non direttamente a Tim Cook.

Questo è esattamente l’opposto di come Steve Jobs aveva piazzato Jony Ive in Apple. Ecco come lo stesso compianto fondatore descriveva il ruolo del designer: “Lavora direttamente per me. Ha più potenza operativa di chiunque altro, tranne me. Non c’è nessuno che possa dirgli cosa fare o cosa buttare fuori. Ed è così che l’ho sempre voluto”. Basta confrontare questa dichiarazione con quella precedente di Cook per capire quanto sia cambiata l’azienda e quanto oggi guardi al profitto, piuttosto che al Genio.

Leggi anche:  Facebook sapeva di Cambridge Analytica prima del leak