Capgemini ricerca 100 solution architect

Capgemini ricerca 100 solution architect

Capgemini avvia a Bologna il Financial Services Hub: 100 solution architect
per accompagnare banche e assicurazioni verso il digitale

Capgemini Italia ha aperto le selezioni per l’inserimento nella sede di Bologna di oltre 100 solution architect, con l’obiettivo di rafforzare la propria offerta rivolta al settore dei Financial Services. I nuovi assunti entreranno a far parte di un hub che si pone l’obiettivo di accelerare la trasformazione digitale di banche e assicurazioni. Infatti, come evidenziato nel report “Digital Mastery in Financial Services” del Capgemini Research Institute, solo il 31% delle banche e il 27% delle compagnie assicurative sono considerate “digital master”, mentre rispettivamente il 50% e il 56% delle stesse vengono classificate come “beginner”.

L’evoluzione in “digital master” degli istituti del settore passa attraverso la collaborazione con partner specializzati su mercati verticali, come il Financial Services Hub di Capgemini, in grado di accompagnarli in un percorso di cambiamento di successo.

Con l’obiettivo di rafforzare l’offerta di servizi digitali rivolta al settore dei Financial Services, la società ha aperto una selezione di oltre 100 solution architect, rivolta sia a figure altamente specializzate, sia a giovani neolaureati da includere in un percorso di formazione di eccellenza.

«Nel settore dei servizi finanziari, gli operatori tradizionali stanno iniziando solo ora a comprendere la reale portata della sfida della digital transformation. Di fronte a concorrenza e aspettative dei consumatori crescenti, le banche e le compagnie di assicurazione stanno riesaminando i propri modelli di business», ha affermato Andrea Falleni, Managing Director di Capgemini Business Unit Italy. «Il modello operativo del futuro è basato su collaborazione, innovazione e agilità. Il comparto dei servizi finanziari dovrebbe prendere ispirazione dal gruppo dei digital master, che stanno lavorando con un ecosistema di partner terzi, sviluppando e testando più rapidamente le idee secondo un modello MVP e alimentando una cultura di innovazione e sperimentazione di tipo bottom-up».

Leggi anche:  Praim annuncia nuove nomine

Le selezioni sono aperte a giovani talenti con una grande passione e apertura verso le nuove tecnologie, con comprovate competenze nell’ambito del disegno di soluzioni digitali abilitatrici della trasformazione digitale in ambito Financial Services e con una spiccata attitudine alla collaborazione e al lavoro in team. La ricerca destinata ai professional prevede una forte expertise verticale sul business del segmento, capacità di gestione delle relazioni con gli stakeholders delle diverse funzioni organizzative e un’ampia esperienza nella governance di team di progetto complessi e diversificati.