Perché le scuole tedesche hanno vietato Office 365

Perché le scuole tedesche hanno vietato Office 365

Ci sarebbero preoccupazioni in merito alla privacy alla base delle decisione di molte organizzazioni scolastiche tedesche di vietare l’utilizzo della suite di Microsoft

Alcune scuole in varie zone della Germania hanno messo al bando Office 365. Il motivo? Preoccupazioni sulla privacy, stabilendo che l’utilizzo della versione basata su cloud del servizio di Microsoft potrebbe aprire ai bambini potenziali controlli lesivi della riservatezza della persona. Non è una novità: diverse città in terra teutonica fanno a meno di servizi di Redmond, si guardi al caso di Monaco di Baviera, che ha sostituito Windows con Linux per i computer della pubblica amministrazione, salvo poi fare un passo indietro per ottenere una maggiore compatibilità con gli standard digitali. Il problema potrebbe essere un monitoraggio nascosto, di testi ed email, da parte delle agenzie di sicurezza statunitensi, a danni di alunni ma anche insegnanti.

Cosa succede adesso

Questo tipo di invasione è, secondo le autorità tedesche, completamente in disaccordo con il Gdpr. Al centro della norma, lo sappiamo, c’è il concetto di consenso, che qui verrebbe del tutto valicato, visto che, per la legge tedesca (e non solo), i minori non sono in grado di dare alcun tipo di via libera all’accesso dei loro dati. In precedenza, Microsoft aveva tentato di placare i timori aprendo una regione del cloud in Germania, che avrebbe permesso di tenere in locale tutti i dati degli utenti nazionali.

Purtroppo, la scorsa estate è stata chiusa, riportando le persone all’esatto punto in cui erano in precedenza. Al momento, la sentenza del governo si applica solo alle scuole, ma il dubbio sull’accesso ai dati da parte di Microsoft cresce e ciò potrebbe estendere il divieto anche ai dipartimenti governativi. Al momento, Berlino consiglia utilizzare prodotti alternativi, come anche lo stesso Office ma in versione offline, senza l’opzione cloud. Staremo a vedere come evolverà la situazione.

Leggi anche:  Il Retail di domani: il digitale non è più sperimentazione