Sicurezza per la BI: Cuebiq si affida a Fortinet

Snom e TELES: una partnership tecnologica tutta europea

Cuebiq sceglie l’infrastruttura Fortinet nei propri uffici in Italia e negli USA

Fortinet annuncia che Cuebiq ha implementato l’infrastruttura Fortinet nei propri uffici sia in Italia che negli USA. Cuebiq è un’azienda leader nel settore della business intelligence: l’innovazione nel metodo elaborato dalla società consente di unire dati ottenuti dalle location di qualsiasi punto vendita con altre informazioni relative al comportamento dei clienti, in modo totalmente anonimo per questi ultimi, che si muovono all’interno degli store senza il rischio che le loro abitudini possano essere profilate al di fuori del loro controllo.

In qualità di azienda di location intelligence, Cuebiq utilizza i dati di localizzazione anonimi per fornire insights sul comportamento offline dei consumatori, analytics su location e dati volti all’ottimizzazione di campagne marketing e sviluppo di strategie di business. La società fornisce inoltre gli strumenti per capire, misurare e analizzare l’andamento e i risultati di determinate campagne marketing per consentire alle aziende di comprendere meglio il percorso offline dei consumatori. Cuebiq sfrutta il più grande database anonimo di dati di localizzazione accurati e precisi negli Stati Uniti. La metodologia proprietaria di Cuebiq e la sua piattaforma di analisi dei dati consentono la raccolta anonima dei dati sulla posizione e l’analisi offline dei trend aggregati.

Fondata nel 2016, Cuebiq si è evoluta rapidamente e ha il suo headquarter a New York, con uffici a San Francisco, Chicago, in Cina e in Italia. In particolare, in Italia l’azienda possiede la quasi totalità del dipartimento Ricerca & Sviluppo, nonché il team di sicurezza.

Sfide e necessità iniziali

Cuebiq aveva la necessità iniziale di concentrarsi sulla sicurezza cloud dei propri servizi, per poi prestare sempre maggiore attenzione, anche in funzione della rapidità della sua crescita, alla protezione delle reti aziendali dei suoi vari uffici, con un focus sul traffico dati e sugli end-point utilizzati dai dipendenti della società.

Leggi anche:  Kaspersky Lab lancia il nuovo Kaspersky Endpoint Security Cloud

L’implementazione è stata preceduta da un’attenta analisi delle potenziali criticità in ambito wireless, a partire dall’ufficio di Milano, e di quelle relative alla gestione dei personal computer portatili. Si è proceduto quindi con l’implementazione della sicurezza perimetrale, in cluster e in alta applicabilità, in considerazione della fondamentale necessità di mantenere la continuità operativa. Grazie ai firewall Fortinet, è stata dapprima messa in sicurezza la rete interna sia wireless che wired; quindi, si è proceduto tramite apparecchiature switch e access point, fino ad arrivare ai personal computer che sono dotati di client.

Sicurezza che crescesse mano nella mano con l’azienda

L’ufficio di Milano di Cuebiq era inizialmente composto da 20-25 persone, e molto velocemente, i clienti sono quadruplicati, facendo crescere la rete in maniera esponenziale. Procedendo per step in maniera graduale, in modo da non incidere sull’operatività dell’azienda, si è proceduto mettendo in sicurezza dapprima il perimetro, per poi andare ad analizzare la parte infrastrutturale della rete, terminando con l’istallazione e l’attivazione dei client sui personal computer come una delle componenti più critiche dell’implementazione.

Una volta completata in Italia, l’implementazione dell’infrastruttura Fortinet con le soluzioni FortiGate, FortiSwitch, FortiAP, FortiAnalyzer, EMS e FortiClient Telemetry, è stata replicata anche negli uffici negli Stati Uniti – contando ben oltre 100 dipendenti nella sola fase di setup, numero oggi ancor più consistente.

Questo ha consentito di avere visibilità completa attraverso gli strumenti di monitoraggio centralizzati di Fortinet, con FortiAnalyzer: “In questo modo abbiamo una visione precisa, in real time, delle minacce a cui è esposto un determinato device ed anche cosa accade ai nostri client sia internamente che esternamente alla rete aziendale, indipendentemente che sia in Italia o negli Stati Uniti.” spiega Walter Ferrara, Chief Information Security Officer di Cuebiq.

Leggi anche:  Emotet: l’arma tuttofare dei cybercriminali