I dipendenti di Amazon potrebbero spiare le Cloud Cam

Amazon al vertice di BrandZ Global Top 100

Col fine di migliorare le capacità dell’Intelligenza Artificiale, alcuni team analizzerebbero i filmati delle webcam, che il marchio afferma ricevere in maniera volontaria

Tornando a gennaio, Amazon era finita sotto pressione per le notizie secondo cui la sua divisione Ring era in qualche modo coinvolta nella violazione della privacy dei video degli utenti. Dopo qualche mese, l’ammissione che alcune delle interazioni con gli speaker Alexa vengono trascritte, col fine di migliorare la comunicazione tra uomo e macchina. Ora un nuovo rapporto di Bloomberg suggerisce che Amazon Cloud Cam non gode di una maggiore riservatezza, con i dipendenti che potrebbero passare ore a guardare le clip per aiutare l’IA a differenziare meglio ciò che si trova dinanzi, tra uomini, donne, bambini, cani, gatti e così via. Il report cita cinque persone che hanno lavorato sul programma o ne hanno una conoscenza diretta.

E mentre Amazon ammette che è necessario sempre un intervento manuale per migliorare la piattaforma, c’è periodicamente in ballo l’argomentazione su quanto la bilancia tra ottimizzazione e privacy debba pendere da una parte o dall’altra, senza causare problemi di sorta.

Guardoni o no?

Ad ogni modo, Amazon ricorda come i contenuti delle Cloud Cam analizzati arrivino da telecamere tester dei dipendenti e da persone che hanno specificamente concordato  l’invio dei filmati a scopo di studio e risoluzione dei problemi. Sembra ragionevole, tranne per il fatto che due delle fonti hanno affermato di aver sorpreso individui del team addetto a guardare clip a sfondo sessuale. Ora è possibile che i volontari fossero degli esibizionisti ma la questione forse è più profonda e preoccupante. Nelle policy di Amazon non c’è molto che riguardi le modalità utilizzate per le riprese inviate per la risoluzione dei problemi, sebbene i termini e le condizioni menzionano come il gruppo abbia il diritto di elaborare immagini, audio e video acquisiti.

Le Domande e risposte di Cloud Cam affermano che “solo tu o le persone con cui hai condiviso le informazioni del tuo account possono visualizzare le tue clip, a meno che tu non scelga di inviarci una clip direttamente per la risoluzione dei problemi”. La buona notizia è che il fattaccio Cloud Cam al momento non ci riguarda, non essendo mai partita la vendita della telecamera in Italia. Ci sarebbe da capire come e quando altri accessori del marchio, come quelli Echo, siano o meno depositari di simili procedure.

Leggi anche:  Cryptomining: colpito il 37% delle organizzazioni mondiali nel 2018