L’Open Innovation al centro del primo giorno di Smau

L'Open Innovation al centro del primo giorno di Smau

Si è aperta ieri la 56ma edizione di Smau con la presentazione del primo Open Innovation Outlook: Italy 2020, e decine di casi di successo fra corporate e istituzioni premiati con il Premio Innovazione Smau

Ha aperto ieri al pad. 4 di Fieramilanocity la 56ma edizione di Smau, l’evento B2B dedicato all’innovazione a 360°. Ma soprattutto all’Open Innovation, filo conduttore dell’intera manifestazione, che si concluderà giovedì 24 ottobre. A questo tema principale è stato dedicato l’evento inaugurale di Smau, la presentazione del primo Open Innovation Outlook: Italy 2020, curato da Mind The Bridge e Smau e presentato con ICE-Agenzia. E sono stati assegnati i primi Premi Innovazione Smau, i riconoscimenti per aziende e istituzioni che hanno attivato processi di innovazione.

Fra le ricerche che vengono presentate a Smau in questi tre giorni, l’Open Innovation Outlook: Italy 2020 costituisce una grande novità: è la prima fotografia complessiva sull’Open Innovation in Italia che analizza la “Open Innovation Readiness” delle aziende italiane, con indicatori utili al confronto internazionale. “L’Open Innovation sta diventando sempre più popolare in Italia, e questo è un fatto – commenta Alberto Onetti, chairman di Mind The Bridge, che ha condotto la survey – Molte aziende italiane hanno appena cominciato la loro avventura nell’Open Innovation, e in Italia le aziende dei settori energie e banking sono al momento i player più fiorenti, con gli approcci più globali”. In apertura dell’evento, e di Smau, Pierantonio Macola, Presidente Smau, ha considerato: Le imprese oggi per fare innovazione guardano all’ecosistema delle startup: imprese innovative, incubatori, acceleratori, abilitatori che a diverso titolo le supportano nei loro fabbisogni di innovazione. È il paradigma dell’Open Innovation”.

Leggi anche:  Piattaforme digitali, una storia tutta da scrivere

Alla presentazione della ricerca hanno partecipato la Sottosegretaria allo Sviluppo Economico Alessandra Todde e CEO e Innovation Manager di grazie aziende.

“Questo appuntamento rappresenta un’importante occasione di incontro per le aziende, i territori, i cittadini e tutti gli operatori digitali che finalmente avranno la possibilità di discutere approfonditamente sia di innovazione che di futuro – ha detto la Sottosegretaria Todde – “Lo Smau Milano è un appuntamento strategico per tutte le imprese che vogliono avvicinarsi al mondo della ricerca e dello sviluppo, contribuendo a portare sul mercato percorsi concreti all’insegna innovazione”.

Hanno, poi, portato la loro testimonianza di Open Innovation:

Hu-Kun, CEO ZTE Italia e Presidente ZTE Europa Occidentale: “Siamo attivi in Italia con un forte piano di investimenti su innovazione e sicurezza. Recentemente a Roma abbiamo inaugurato il primo Laboratorio Italiano di Cyber Security. Parallelamente abbiamo avviato un programma di valorizzazione dei giovani talenti italiani. Allo Smau presenteremo la nostra visione del futuro attraverso una serie di soluzioni pensate sia per le aziende che per il singolo consumatore. Fili conduttori saranno l’IoT e il 5G”.

Ing. Antonio Cammisecra, CEO Enel Green Power: “L’innovazione è al centro della nostra strategia ed è strettamente connessa alla sostenibilità: abbracciamo l’Open Innovation al fine di rispondere rapidamente ai bisogni dell’azienda, creare valore condiviso e promuovete la sostenibilità del business in un mondo che cambia a una velocità incredibilmente elevata”.

Agostino Santoni, CEO Cisco: “Dalla nostra esperienza diretta e dal percorso di trasformazione che noi stessi abbiamo avviato abbiamo imparato molto, in particolare riflettendo sugli elementi fondamentali quando si decide di affrontare le sfide di business creando un progetto basato sulla co-innovazione. In primis è indispensabile uscire dai propri confini e dare vita a una rete fatta di incubatori, startup, istituzioni, mondo accademico, ricerca e ampliarla verso vendor, startup, istituzioni, mondo della ricerca e accademico. È poi necessario intervenire sul proprio modello manageriale per creare vera collaborazione tra le varie funzioni e investire per creare le competenze necessarie a lavorare con un insieme più ampio di interlocutori. Infine, è essenziale con i propri clienti e coinvolgerli fin dall’inizio nella creazione del “team” di attori che lavorerà alla soluzione del loro problema”.

Leggi anche:  Akeron, la visione alternativa della consulenza

Un’ultima considerazione è stata fatta da Carlo Ferro, Presidente ICE-Agenzia: “L’Italia, secondo il Global Attractiveness Index di Ambrosetti, è prima in Europa per tasso di crescita dei brevetti e seconda per numero di lavoratori nella manifattura ad alto valore tecnologico. È con queste premesse che quest’anno abbiamo accompagnato 80 giovani startup italiane, per quattro mesi, in incubatori e acceleratori di sei paesi tra cui USA, UK, Cina e Giappone, attraverso il Global Startup Program, il progetto che abbiamo sviluppato con il Mise. Ed è con queste premesse che quest’anno siamo presenti a SMAU, con numeri da record: oltre 100 startup italiane e 60 investitori esteri, con l’obiettivo di promuovere la crescita dei nostri talenti e la loro competitività sui mercati internazionali.”

Open Innovation e internazionalizzazione, quindi: oggi Smau ospita gli eventi di Italia RestartsUp, organizzati da ICE-Agenzia. Italia RestartsUp proporrà un programma serratissimo di incontri di matching one-to-one, dove le startup avranno anche la possibilità di presentarsi con speed pitching in lingua inglese a 80 operatori internazionali. Operatori che appartengono al mondo delle grandi imprese o a quello degli acceleratori, incubatori ed altre realtà che favoriscono il rapporto corporate – startup.

Ieir sono stati assegnati anche i primi Premi Innovazione Smau, il riconoscimento che viene a dato alle aziende e agli enti per i loro progetti di innovazione, soprattutto “open”: lo hanno ricevuto la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi con Innexta, Sirti, Gruppo Salvagnini, Guerriero Produzione Pelletterie, HSD Mechatronics, Compagnia Valdostana Acque, Provincia Autonoma di Trento, Parco Nazionale dell’Alta Murgia, Ferrovie dello Stato Italiane, DHL, AvMap, ZTE Italia, Amat, Igor srl, CMD, Herno, Gessi, Elettric80, Doxa, CrowdFundMe, TIM, Innexta, Maire Tecnimont, Poste Italiane, DepoBank, TechnoAlpin, Leonardo, Amadori, Bennet, Danone.

Leggi anche:  Juniper Networks vuole acquisire Mist Systems