Il servizio di cloud gaming di Amazon pronto per il 2020

Amazon.it: videogame e software disponibili per il download digitale

Con tutte le principali aziende ben orientate a servizi di intrattenimento cloud, anche il gigante dell’e-commerce si appresta alla rivoluzione del gaming

Amazon sta lavorando duramente per lanciare il suo servizio di cloud gaming entro il 2020, nel tentativo di competere con Google Stadia e Project xCloud di Microsoft. Così afferma il sito di Cnet, che pare aver saputo dei progetti da due persone che hanno familiarità con i piani di Bezos. La piattaforma, ancora senza nome, avrà delle opzioni interessanti, come l’integrazione di Twitch e probabilmente qualche videogame in esclusiva, prodotto internamente, alla stregua di ciò che accade per i film e le serie tv Prime Video Original.

Un vantaggio di Amazon sulla concorrenza è strutturale, ossia la presenza del network ben oliato di AWS in quanto a server e data center. Ciò indica certamente che Amazon, lavorando a un servizio di gioco incentrato sul cloud, potrebbe certamente dire la sua.

Il trend dello streaming 2020

Dato che Amazon ha la più grande infrastruttura cloud al mondo con Amazon Web Services, sa come posizionarsi nel più ampio campo dello streaming multimediale. La compagnia possiede anche Twitch, una piattaforma di live streaming che molte persone usano per trasmettere in streaming video live di se stessi mentre giocano e, a quanto pare, ci sono un sacco di persone a cui piace guardare un’altra persona giocare, piuttosto che prendere un controller e giocare da soli.

Pertanto, il gigante ha in casa la tecnologia per configurare un servizio dedicato al gaming, senza nemmeno sforzarsi troppo sulla sua messa in opera. Deve solo assicurarsi di avere a bordo sviluppatori e un buon set di giochi con cui debuttare. Di certo, il campo è minato e la battaglia non semplice da portare a casa. Andando nello specifico dei videogiochi è sicuramente Microsoft quella messa meglio, con gli anni trascorsi a consolidare il mondo Xbox. Non c’è una sola azienda che ha tutto e forse per questo la situazione si pone molto più interessante di quanto potesse sembrare fino a ieri.

Leggi anche:  Reply Creative Challenge 2020: vince il team Trecento11