L’87% degli italiani è ottimista sulle proprie competenze professionali

L'87% degli italiani è ottimista sulle proprie competenze professionali

Un italiano su quattro pensa che almeno il 50-74% del personale sia stato assunto non per merito professionale ma per conoscenze personali

La nuova survey di ADPWorkforce View in Europe 2019” ha preso in considerazione oltre 10.000 dipendenti in Francia, Germania, Italia (1400), Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Regno Unito, approfondendo le modalità con cui essi si occupano delle problematiche attuali del lavoro e del futuro del lavoro.

Dall’analisi emerge come la gran parte degli italiani (87%) sia fiduciosa sulle proprie competenze, ma si trovi spesso e comunque ostacolata nella crescita professionale. Sembra che la domanda che i lavoratori italiani si pongano sia “Sono bravo, e allora perché la mia carriera è allo stallo? perché nonostante le mie competenze non riesco a volte a rendere al 100%?”

Adp ha chiesto a 1400 italiani “Qual è la più grossa barriera alla tua produttività e crescita professionale? “Ed ecco che emerge un dato molto interessante: il 27,3% dà la colpa ai manager incompetenti.

“La cattiva gestione delle risorse e dei processi, che dovrebbero essere coordinati da manager competenti, è un freno al lavoro e alla relativa produttività. – ha commentato Virginia Magliulo, President HCM Global View di ADP – L’investimento nella formazione manageriale è fondamentale e massimizzare la produzione deve essere una priorità assoluta per i datori di lavoro”.

Ecco le maggiori cause di improduttività per i lavoratori italiani:

  • 27,3% manager incompetenti
  • 18,7% mancanza di un supporto tecnologico adeguato
  • 18,6% mancanza di supporto da parte dello staff
  • 18,3% sistemi e processi organizzativi inesistenti
  • 13,3 % troppo stress
  • 12,5% mancanza di skills
  • 12,3% mancanza di flessibilità sugli orari e i luoghi di lavoro
Leggi anche:  Lavazza tra i partner fondatori di Plug and Play Italy

Interessante anche vedere come, a proposito di carriera, dalla medesima ricerca emerge che il 25% degli italiani pensa che sia assunto per connessioni personali, e non per merito professionale, almeno il 50-74% del personale. Il 24,30% crede che lo sia almeno un quarto del personale, il 16% addirittura più del 75%. Solo il 17,3% crede che i legami personali non c’entrino nulla.

ALTRI PAESI

A livello Europa, nove intervistati su dieci (89%) sostengono di essere sicuri di possedere le competenze necessarie per avere successo nella loro carriera. I lavoratori in Spagna sono i più sicuri riguardo il loro livello di competenza (93%), seguiti dalla Svizzera (90%).

La cattiva gestione è il più grande ostacolo alla produttività e il problema sembra continuare a peggiorare. Quasi un quarto (23%) degli intervistati a livello Europa ritiene che una cattiva gestione sia il maggiore motivo di dispersione della produttività. I lavoratori spagnoli sono quelli che più probabilmente devono affrontare questo problema (31%).