La GeForce RTX 3080 debutterà al Computex 2020

Nvidia tappa un pesante bug in GeForce Experience

La prossima generazione di schede grafiche di Nvidia vedrà la luce a metà del 2020, secondo gli analisti di mercato

Il futuro di Nvidia, lo, ha la targa delle RTX 3080 ma la serie non è così vicina come pensavamo. Secondo secondo l’analista Chris Caso di Raymond James, il loro arrivo potrebbe essere a metà del 2020, ossia in tempo per il prossimo Computex di Taipei. La voce arriva dal sito cinese HKEPC, con Caso che si è lasciato sfuggire come la compagnia abbia rinviato il lancio della sua architettura Ampere di nuova generazione visto che le sue schede GeForce RTX 20 basate su Turing stanno andando decisamente bene.

Dato che Nvidia si appresta a lanciare versioni “Super” delle RTX, c’è sicuramente un po’ di credibilità dietro le osservazioni dell’analista. Come tale, ci aspettiamo novità al Computex 2020, all’incirca verso giugno del prossimo anno.

Cosa potranno fare le RTX 3080

La rivelazione delle grafiche sarà preceduta dall’annuncio dell’architettura Ampere, all’evento annuale di Nvidia, GTC, a San Jose, che normalmente si svolge a marzo. La scheda che Caso si aspetta che Nvidia sveli al Computex 2020 è, in modo particolare, la GeForce RTX 3080, successore dell’RTX 2080. Non ci sono dettagli sulle specifiche ma prevediamo che si concentrerà sul miglioramento delle prestazioni del ray-tracing su alte risoluzioni.

E che avrà una GPU e una velocità di clock di memoria più elevate, nonché una potenza di progettazione termica migliorata, per una migliore efficienza energetica. Visto che la concorrenza di AMD non sa attendere, Nvidia dovrà lavorare molto per mantenere la leadership di mercato. Motivo per cui abbiamo visto le GeForce GTX 1660, una versione entry level della scheda RTX, beneficiare dell’architettura Turing, così da innalzare il livello dell’hardware anche per utenti non di fascia altissima. Speriamo che questo significhi un 2020 particolarmente entusiasmante per il campo della grafica, allo stesso modo in cui il 2018 è stato segnato dalla rivoluzione Turing.

Leggi anche:  Intel rivela ufficialmente la GPU “Ponte Vecchio”