Cloudflare fornisce servizi anti DDoS gratuiti per le politiche statunitensi

I candidati possono ottenere la protezione ai loro siti gratuitamente purché soddisfino i requisiti di raccolta fondi

Con un importante ciclo elettorale a meno di un anno di distanza, Cloudflare afferma di star lavorando con politici negli Stati Uniti per proteggere le loro campagne contro gli attacchi informatici attraverso un programma chiamato “Cloudflare for Campaigns”. Il servizio, che include la protezione dai tentativi di lancio DDoS, è disponibile gratuitamente per i candidati alla Camera e al Senato purché soddisfino specifici requisiti di raccolta fondi.

Questi dovranno infatti dimostrare almeno 50mila dollari in donazioni, mentre quelli in corsa per un seggio al Senato avranno bisogno di 100mila dollari in donazioni. Gli aspiranti alla presidenza sono ammissibili purché abbiano votazioni superiori al 5% a livello nazionale. Cloudflare afferma che offrirà pure un programma a pagamento per campagne politiche al di fuori degli Stati Uniti.

Elezioni in divenire

«Questo è il nostro modo di fornire le migliori pratiche e soluzioni intuitive non solo per campagne di grandi dimensioni, ma anche per quelle più piccole, ma ugualmente importanti che possono avere risorse limitate» ha affermato Matthew Prince, CEO di Cloudflare. Per fornire il servizio, Cloudflare sta lavorando con Defending Digital Campaigns (DDC), un’organizzazione no profit che collega i candidati elettorali statunitensi con società di sicurezza informatica.

Nel 2019, la Commissione elettorale federale ha concesso al DDC un’esenzione speciale per offrire servizi di cybersicurezza gratuiti o scontati alle campagne politiche. Come parte dell’accordo, l’organizzazione pubblicherà un elenco sul suo sito in cui analizzare le campagne che ha supportato con i servizi di sicurezza informatica, nonché il valore di tali servizi. Oltre a Cloudflare, il gruppo collabora anche con aziende come Lookout per proteggere i dispositivi mobili.

Leggi anche:  Come si proteggono i figli dai pericoli online?