Addio a Larry Tesler, inventore del copia-incolla

Addio a Larry Tesler, inventore del copia-incolla
Ascolta l'articolo

Larry Tesler ha lavorato alla Apple dal 1980 al 1997 ed è considerato uno dei pionieri della moderna comunicazione informatica

Larry Tesler, uno scienziato informatico più noto per aver creato i concetti fondamentali del copia-incolla, è morto all’età di 74 anni. Nato nel 1945 a New York, aveva studiato informatica a Stanford. Dopo aver lavorato nella ricerca IA, è entrato a far parte del Palo Alto Research Center (PARC) di Xerox nel 1973, dove ha sviluppato la funzione del taglia, copia e incolla. Concetti che diventeranno in seguito elementi costitutivi dell’interfaccia utente strumentale sia per gli editor di testo che per interi sistemi operativi per computer.

PARC è famoso soprattutto per i suoi primi lavori sulle interfacce grafiche e sull’interazione mezzo mouse ed è il motivo per cui il co-fondatore di Apple, Steve Jobs, ha usato le loro ricerche come fonti di ispirazione per sviluppare migliori iterazioni per i prodotti della Mela. A Tesler si deve anche il concetto di elaborazione “modeless”, che è l’idea secondo la quale un programma non dovrebbe avere “modalità” diverse in cui l’input di un utente fa cose diverse in base alla modalità in cui ci si trova.

Il ruolo di Larry Tesler nel mondo dell’informatica

Nel 1980, Tesler è entrato in Apple e ha lavorato presso l’azienda fino al 1997. Si è occupato di diversi prodotti tra cui Macintosh, QuickTime, Lisa e il tablet Newton. (Macintosh e Lisa sono stati i primi personal computer a rendere popolari le operazioni di copia e incolla, grazie in gran parte al coinvolgimento di Tesler).

Dopo aver lasciato Apple, Tesler ha lavorato alla Stagecast, una startup di software educativo lanciata dalla stessa azienda di  Cupertino, oltre a collaborare con Amazon, Yahoo e 23andMe. Dal 2009 era consulente UX.

Leggi anche:  Huawei intraprende un'azione legale contro Verizon