L’iPad Pro 5G è dietro l’angolo

L’iPad Pro 5G è dietro l’angolo
Ascolta l'articolo

Ne sono convinti analisti e siti specializzati che affermano come il primo passo verso il nuovo standard di rete verrà fatto proprio con iPad Pro 5G

La gamma di iPad di Apple sarà probabilmente aggiornata quest’anno, forse già a marzo. La prossima versione, dotata di Smart Keyboard con tasti retroilluminati, integrerà pure un’antenna per il 5G. Due rapporti di Digitimes, raccolti da MacRumors, suggeriscono che l’iPad Pro supporterà la connettività, proprio come gli iPhone in arrivo questo autunno. Le voci si soffermano anche sul processore di bordo, probabilmente chiamato A14X, che dovrebbe essere superiore del 50% rispetto all’attuale chip A13. Per quanto riguarda il 5G, i chip funzioneranno su varie bande di frequenza. Sappiamo che ci sono vari spettri disponibili che, in generale, rientrano in tre categorie: banda bassa, sub-6 e onde millimetriche.

Cosa vol dire

Le diverse frequenze hanno dei vantaggi distinti. Quelle di banda bassa quali le 600 MHz, 800 MHz e 900 MHz richiedono meno torri e raggiungono lunghe distanze, ma non sono veloci come il Sub-6, sicuramente performanti ma ancora superate dalle onde millimetriche, superiori ai 24 GHz. Una combinazione di questi elementi è necessaria per i migliori risultati e sembra proprio che i nuovi iPad Pro doteranno tale versatilità, supportando sia Sub-6 che millimeter.

iPad Pro 5G, quando arriva

Circa le tempistiche, i due rapporti indicano la seconda metà del 2020. Probabilmente significa settembre per iPhone e ottobre per iPad Pro, proprio perché si sta parlando di un dispositivo completamente nuovo. Ma ci sono anche alcuni suggerimenti di un arrivo nella metà dell’anno, già a marzo, anche se in quel caso dovrebbe trattarsi del modello tradizionale aggiornato, il classico iPad per tutti. Non sappiamo niente sul Mini, anche se Apple pare non aver abbandonato ancora del tutto la strada della tavoletta nel piccolo formato.

Leggi anche:  Da APC un nuovo Smart UPS a profondità ridotta con batterie al Litio