Nuovo stop per gli smartphone BlackBerry

Nuovo stop per gli smartphone BlackBerry
Ascolta l'articolo

Smartphone BlackBerry: TLC non rinnoverà la licenza di produzione del famoso marchio canadese, che aveva aiutato a tenere in vita negli ultimi anni

TCL ha annunciato l’intenzione di non rinnovare la partnership, in scadenza il 31 agosto 2020, che fino ad oggi le ha permesso di produrre smartphone a marchio BlackBerry. La società “non ha ulteriori diritti di progettazione, produzione o vendita di nuovi dispositivi mobili BlackBerry” sebbene affermi che continuerà a onorare le garanzie fino al 2022. Ovvero: qualunque dispositivo venduto e attualmente sul mercato, sarà coperto dalla garanzia del venditore e produttore per i due anni dall’acquisto ma comunque fino alla fine del prossimo biennio.

Meglio essere onesti: la BlackBerry così come la conosciamo noi non esiste più dal 2015, quando il potente gruppo cinese TCL è entrato nel merito della situazione rilevando, tramite licenza, la parte mobile del brand, così come fatto con Alcatel. Oggi però TCL ha la sua linea proprietaria di smartphone ed è probabile che voglia proseguire con essa nel prossimo futuro.

Smartphone BlackBerry : un altro addio

Cinque anni fa, BlackBerry Limited concedeva in licenza il suo marchio a TCL, nella speranza di mantenere vivo il ricordo della mora, magari ringiovanendola. La società ha prodotto alcuni buoni telefoni che hanno tenuto botta con lo spirito del passato, ma la convinzione è che non ci sia più spazio per dispositivi che hanno comunque delle sembianze molto retro, con o senza tastiera fisica, poggiati su soluzioni proprietarie che cozzano con lo stesso concetto di personalizzazione e apertura di Android, sistema operativo adottato dopo la chiusura di BlackBerry Mobile OS.

Certo, c’è sempre la possibilità che qualcun altro prenda il sopravvento, magari assumendosi le licenze in scadenza ad agosto ma ad oggi non vi è assolutamente nulla in pentola. Chissà, forse la stessa BlackBerry sta pianificando un ritorno in prima battuta, e non sarebbe nemmeno così strano se ci guardiamo in giro, con gente quale Nokia e Motorola, con tempi e modalità differenti, che sono tornate sul mercato.

Leggi anche:  iPhone SE 2, altre indiscrezioni su prezzo e uscita