Per Alphabet il peggior trimestre dal 2015

Per Alphabet il peggior trimestre dal 2015
Ascolta l'articolo

La chiusura del quarto trimestre evidenzia perdite concrete per il gruppo Alphabet sotto il cui cappello c’è anche Google, con il titolo che perde circa il 5%

La peggiore crescita dei ricavi del quarto trimestre dal 2015. Una conseguenza che ha fatto scendere le azioni di Alphabet di quasi il 5%, mettendo in ombra le buone entrate pubblicitarie di YouTube. Detto ciò, anche il reparto Google Cloud porta a casa buoni numeri, con un aumento dei ricavi del 53% ovvero a 2,6 miliardi di dollari nel trimestre e la stessa pubblicità su YouTube aumentata del 31% a 4,7 miliardi di dollari. Proprio YouTube ha generato circa 750 milioni di dollari in abbonamento e altre entrate non pubblicitarie, secondo quanto affermato da Sundar Pichai, CEO di Alphabet.

Alphabet, gli altri numeri

Google, attraverso il suo omonimo motore di ricerca e con la piattaforma di YouTube, è stata la più grande attrazione del web per gli inserzionisti per oltre un decennio, consentendole di diventare la quarta società quotata a 1 trilioni di dollari per capitalizzazione di mercato. Ma sono emerse nuove preoccupazioni tra gli investitori su quanto durerà il suo dominio, con i regolatori dell’antitrust statunitensi che indagano continuamente sulla posizione considerata dominante, non sempre a ragione, nei servizi online.

Nonostante le buone performance di YouTube, alcuni analisti affermano come le entrate pubblicitarie della piattaforma siano state in realtà deludenti. «YouTube è più piccolo di quanto si supponga in generale, con la concorrenza che sembra aver accelerato e sta crescendo più velocemente di quanto si temesse» per James Cordwell, analista di Atlantic Equities. Del resto, anche Google deve affrontare sfide interne. Alcuni dei suoi 119mila dipendenti hanno più volte protestato per il lavoro su software relativi alle armi per militari o prodotti di ricerca censurati per utenti cinesi, tanto da portare Big G ad abbandonare tali obiettivi, che pure avrebbero incrementato i guadagni.

Leggi anche:  Canon, il fattore umano per un marketing di successo