Aumentano del 775% i servizi cloud di Microsoft


Multicloud ibrido e sicuro. Nuove competenze cercasi
Ascolta l'articolo

A causa del distanziamento sociale, va forte l’uso della nuvola, con Microsoft che ha adottato misure proattive per rispondere alla domanda

Domenica Microsoft ha dichiarato di aver osservato un incredibile aumento del 775% nell’uso dei suoi servizi di cloud in quelle regioni che hanno imposto il distanziamento sociale per via del Coronavirus. Ad aumentare è stato soprattutto il software di collaborazione Microsoft, Teams, che adesso ha oltre 44 milioni di utenti al giorno. Redmond ha dichiarato che gli utenti di Teams hanno generato oltre 900 milioni di riunioni e telefonate ogni giorno, in una sola settimana.

Ma c’è anche dell’altro: l’utilizzo di Windows Virtual Desktop è cresciuto di oltre tre volte. Microsoft ha dichiarato che sta mettendo in pratica l’aggiunta di “significative nuove capacità” che saranno disponibili nelle prossime settimane e sta adottando alcune misure proattive per ridurre lo stress della capacità dei suoi server.

Il potere dello smart working

Ad esempio, con Teams, i tecnici hanno regolato la risoluzione video e la frequenza delle finestre visualizzate da parte di chi aspetta la digitazione di un messaggio, così da occupare meno banda e permettere un più rapido svolgimento del lavoro. Ma è tutta Microsoft, lato servizi, ad aver beneficiato dello “stare a casa”. Sul fronte Xbox, ad esempio, Redmond ha affermato di collaborare con i partner editoriali per offrire attività a larghezza di banda maggiore come gli aggiornamenti dei giochi durante le ore non di punta.

Inoltre, è stata temporaneamente disabilitata la possibilità di caricare gamerpics, foto e sfondi dei club personalizzati, per semplificare la moderazione e garantire la migliore esperienza per la comunità. Nonostante l’aumento dell’utilizzo, Microsoft ha dichiarato di non aver subito interruzioni significative del servizio.

Leggi anche:  Zscaler: la gestione del dato è questione di as a services