Lenovo offre una licenza di 120 giorni per TGX Remote Workstation di Mechdyne

Lenovo offre una licenza di 120 giorni per TGX Remote Workstation di Mechdyne
Ascolta l'articolo

L’iniziativa garantisce agli utenti: massima produttività, maggiori prestazioni, gestione ottimizzata

In una situazione globale nella quale si lavora da remoto per mantenere elevati i livelli di produttività, i carichi di lavoro sono diversi in funzione delle attività. In alcuni casi, infatti è sufficiente portarsi a casa il proprio notebook e proseguire senza grandi intoppi la propria attività lavorativa. Vi sono però flussi di lavoro che richiedono grande potenza di calcolo e in questi casi lavorare da casa non è così semplice, in quanto può comportare importanti cali di prestazioni e rischi nella sicurezza.

Per fornire le necessarie prestazioni a chi lavora da remoto, Lenovo ha deciso di mettere a disposizione gratuitamente una licenza di 120 giorni per il software TGX Remote Workstation di Mechdyne.

L’iniziativa è attiva anche in Italia e garantisce agli utenti:

  • massima produttività: Questo software fa leva sulle caratteristiche delle GPU NVIDIA Quadro per eliminare le differenze di prestazioni e utilizzare l’encoder video integrato per comprimere e inviare le informazioni dalla workstation ai dispositivi end-point, che le decodificano. Questo riduce i tempi di latenza sugli application file complessi e dettagliati.
  • maggiori prestazioni: i gruppi di lavoro possono condividere le risorse di potenti workstation ad alte prestazioni in tutta l’azienda, accedendo con semplicità a dispositivi ad alte prestazioni e a potenti GPU direttamente dalle loro workstation standard, collaborando con i colleghi in ogni parte del mondo.
  • gestione ottimizzata: i dati e gli IP aziendali rimangono al sicuro in sede, riducendo il rischio di violazione dei dati e amministrando da remoto l’hardware da qualsiasi località, in qualsiasi momento.

Gli utenti possono installare il software in prova nelle workstation host, e il software di ricezione nei dispositivi locali, per accedere alle loro applicazioni e progetti senza restrizioni, esattamente come se si trovassero in ufficio.

Leggi anche:  La prima beta pubblica di iOS 14 e iPadOS 14 è online