SAS utilizza l’AI in modalità crowdsourcing contro la deforestazione

ADP premiata agli AI Breakthrough Awards 2020
Ascolta l'articolo

Nel 50° anniversario dell’Earth Day, SAS e l’International Institute for Applied Systems Analysis uniscono le loro forze perproteggere il pianeta grazie al crowdsourcing

SAS si impegna costantemente a costruire una comunità globale di innovatori che utilizzano la tecnologia per innescare un cambiamento positivo per le persone e il pianeta. Per questo, SAS e l’International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA) stanno implementando soluzioni di intelligenza artificiale (IA) in modalità crowdsourcing per aiutare a comprendere meglio il nostro pianeta.

L’IIASA è un istituto di ricerca internazionale indipendente, noto per la sua esperienza nell’analisi dei sistemi e nella fornitura di soluzioni e informazioni di base su questioni urgenti per l’umanità. L’Istituto ha posto sotto i riflettori la questione della deforestazione e di come comprendere meglio l’applicazione dell’IA per chiarire l’interconnessione degli ecosistemi terrestri. Oggi i nostri sistemi stanno cambiando rapidamente, avvicinandosi a livelli che superano le esperienze umane esistenti, la comprensione scientifica e le capacità di modellazione tradizionali, rendendo sempre più difficile per gli esseri umani intervenire in modo efficiente, efficace e tempestivo.

“L’urgenza necessaria per affrontare queste trasformazioni richiede l’applicazione delle migliori soluzioni tecnologiche. Ecco perché ci siamo rivolti a SAS”, ha dichiarato Albert van Jaarsveld, CEO di IIASA. “Combinando la potenza delle nostre piattaforme di ricerca sulle scienze ambientali, le tecnologie di Intelligenza Artificiale e di computer vision di SAS e il potere intellettuale dei cittadini interessati, possiamo sviluppare modelli di intelligenza artificiale in grado di aumentare in modo esponenziale il valore delle intuizioni umane, per fornire una valutazione quasi in tempo reale del cambiamento ambientale globale”.

Lo sviluppo di un modello di intelligenza artificiale inizia con l’intelligenza umana. Per questo progetto, SAS e IIASA stanno lanciando insieme un’applicazione online in modalità crowdsourcing per raccogliere l’intelligenza collettiva delle persone. Dagli scienziati agli studenti, dagli ingegneri ai data scientist ognuno può prenderne parte rivedendo e giudicando le immagini della foresta pluviale.

Leggi anche:  LtoL – Lawyer to Lawyer: la piattaforma digitale per lo scambio di atti e pareri legali tra professionisti

“Poiché l’analisi delle immagini è un primo passo importante per la valutazione e la proiezione accurata della deforestazione, chiediamo alle persone di vedere ciò che la tecnologia non può vedere, esaminando immagini provenienti da tutto il mondo”, ha detto van Jaarsveld. “Il crowdsourcing aiuta a migliorare gli algoritmi di IA, accelerando ciò che prima richiedeva anni di analisi, contribuendo così a guidare risposte importanti per proteggere più rapidamente le nostre foreste”.

Segnalando le aree che hanno visto segni di un’attività umana, si contribuisce a rendere i modelli di IA più intelligenti. Ad esempio, è facile per un essere umano distinguere tra una strada (che segnala l’impatto umano) e un fiume, ma un modello di IA non conoscerà la differenza fino a quando non otterrà una formazione sufficiente attraverso l’apprendimento dalle osservazioni umane. Inoltre, i risultati del modello assicurano che l’applicazione di crowdsourcing focalizzi l’attenzione delle persone dove la loro competenza è più necessaria. Il modello permetterà di aumentare l’efficienza di una forza umana volontaria per un’ampia gamma di progetti volti a monitorare e misurare importanti questioni di cambiamento globale.

Grazie alla collaborazione tra uomo e tecnologia, SAS e IIASA potranno disporre di una piattaforma robusta ed estesa per consentire ai cittadini di fornire un supporto alla ricerca. La prima fase della partnership si concentra sulla deforestazione, ci sono inoltre piani per estendere la piattaforma ad altre questioni ambientali in cui il crowdsourcing può aiutare a servire il bene comune.

Tutti possono svolgere un ruolo nel rendere l’IA più intelligente e migliorare la capacità dei sistemi di proteggere le nostre foreste. Dagli studenti ai data scientist, questa attività permette a ciascuno di noi di fare la differenza semplicemente osservando alcune immagini. Sul sito sas.com/rainforest è possibile classificare le immagini che mostrano segni di deforestazione e aiutare i modelli ad imparare e migliorare ad ogni iterazione.

Leggi anche:  Così iOS 14 cambia il modo di usare l’iPhone

Questa partnership di crowdsourcing con IIASA è alimentata dall’impegno di SAS a favore del movimento Data for Good, che incoraggia l’uso dei dati  per guidare un cambiamento globale positivo.