WhatsApp pronta a rilasciare la funzione “multidispositivo”

WhatsApp e Facebook, il merge è più vicino
Ascolta l'articolo

La società pensa di allargare il login di un singolo device ad un secondo, per sfruttare lo stesso account su più smartphone (o tablet)

WhatsApp ha lavorato sul supporto multidispositivo per quasi un anno e sembra sia giunto il momento di introdurlo finalmente in versione definitiva, per Android e iOS. La società si sta infatti avvicinando al rilascio, almeno secondo quanto esprimo i siti web che hanno individuato l’opzione in alcune stringhe di codice. Come suggerisce il nome, multidispositivo consentirà agli utenti di accedere al servizio di messaggistica, con lo stesso account, da diversi dispositivi, senza dover disconnettere prima quello usuale. Come sappiamo, sin dal suo lancio, WhatsApp è stato limitato all’utilizzo su un singolo device. L’azienda parte di Facebook, per ovviare a tale mancanza, aveva sviluppato una versione desktop del client, a supporto di WhatsApp Web, seppur questa funzioni solo quando il telefonino principale è connesso a internet e mai priva di fastidiose interruzioni o scollegamenti.

Quando verrà rilasciata la funzionalità

Di recente, il sito WABetaInfo ha notato alcune nuove modifiche nell’ultima versione beta di WhatsApp e ha condiviso con il mondo ciò che ha scoperto. In un’immagine condivisa online, si vede un menu che chiede all’utente di accedere su un nuovo dispositivo. L’app suggerisce inoltre di passare al Wi-Fi, poiché l’utilizzo dei dati potrebbe essere troppo pesante. Non ci sono spiegazioni sul perché il dispositivo abbia bisogno di una connessione internet ad alta velocità, ma la spiegazione è che probabilmente serva per sincronizzare i dati dal dispositivo principale al secondario.

WhatsApp non si è espressa ufficialmente su quanto individuato, quindi non sappiamo alcune metriche nell’uso, ad esempio quanti dispositivi potranno essere effettivamente aggiunti al singolo account. Tuttavia, il supporto potrebbe estendersi a diverse tipologie di accessori, come i tablet, così da rendere il client molto utile quando non si ha lo smartphone sempre sott’occhio.

Leggi anche:  Europol affonda oltre 30.000 siti di pirateria per violazione