Apple offre agli hacker iPhone gratuiti per dare la caccia ai bug

Apple offre agli hacker iPhone gratuiti per dare la caccia ai bug
Ascolta l'articolo

Il gigante della Silicon Valley presenta il programma “iOS Security Research Device”

Apple ora fornirà ai principali ricercatori di sicurezza iPhone modificati, per cercare di individuare le vulnerabilità di iOS. Il tutto grazie all’avvio del programma “iOS Security Research Device”, pensato per migliorare la collaborazione tra Cupertino e gli hacker etici, già di per sé molto attivi nell’analizzare i software digitali ma non sempre a contatto diretto con le compagnie interessate. I dispositivi speciali offrono privilegi di sicurezza unici, tra cui l’esecuzione di codice e criteri di contenimento allentati, che consentono ai ricercatori l’accesso alla shell e la possibilità di eseguire qualsiasi strumento di loro scelta. In effetti, gli iPhone sono pre-jailbreak, dando agli hacker la possibilità di entrate in maniera più profonda nel sistema operativo, come mai fatto sinora, almeno a livello ufficiale.

iOS Security Research Device

Al di là di questo aspetto non trascurabile, i dispositivi si comportano come qualsiasi altro iPhone, al fine di replicare al meglio gli scenari di sicurezza della vita reale. «Come parte dell’impegno di Apple per la sicurezza, questo programma è progettato per aiutare la sicurezza per tutti gli utenti iOS, portare più ricercatori su iPhone e migliorare l’efficienza per coloro che già lavorano sulla sicurezza del sistema operativo” ha spiegato la società in un post sul blog ufficiale.

Per qualificarsi per il nuovo schema, i ricercatori devono essere un membro esistente del Programma per sviluppatori di Apple, avere una comprovata esperienza di analisi delle vulnerabilità nei prodotti della Mela e risiedere in una delle 23 nazioni ammissibili, tra cui c’è l’Italia. Secondo la compagnia, la disponibilità degli iPhone sarà inizialmente limitata e quindi non tutti i candidati qualificati riceveranno un telefono modificato. Questi verranno automaticamente incanalati nella seconda tornata, prevista per il 2021.

Leggi anche:  Italia ancora bersaglio di malware e ransomware