L’aggiornamento di Windows 10 può cancellare i messaggi di Gmail

L’aggiornamento di Windows 10 può cancellare i messaggi di Gmail
Ascolta l'articolo

Gli utenti sono stati messi in guardia su un altro bug che colpisce l’ultimo update dell’OS leader di mercato

Ebbene, non passa edizione di un update di Windows 10 che sia priva di problemi. Questa volta, un errore frustrante potrebbe finire per eliminare i messaggi degli account di Gmail, per chi procede con l’installare la versione più recente dell’OS di Microsoft. Sui forum ufficiale del software, gli utenti segnalano di aver visto i loro messaggi di Gmail scomparire dal client di posta integrato in Windows 10, un fatto che sembra essere stato innescato dall’aggiornamento di Maggio 2020 o da una patch per il client rilasciata giovedì 28 maggio. Alcuni utenti di Windows 10 hanno dichiarato di aver visto l’app Mail eliminare i messaggi dalla cartella inviata senza autorizzazione e quando hanno tentato di accedere a suddette e-mail sull’interfaccia web, non sono stati in grado di trovarle.

Windows 10 con i fiocchi

Un utente di Windows 10 ha scritto: “Ho notato che quando rispondo alle e-mail, il messaggio che invio scompare e non può essere trovato in elementi inviati, posta in uscita, cestino, spam o qualsiasi altra cartella. Sembra che sia automaticamente cancellato dal server”. Ma altri hanno detto che le e-mail mancanti sono apparse proprio nello spam o in altre cartelle casuali di Gmail mentre qualcuno ha riferito di non poter scaricare gli allegati nel programma di posta del sistema operativo.

Microsoft non ha ancora confermato i problemi, ma un moderatore del forum di Google in un thread nelle pagine di supporto di Gmail ha dichiarato che “l’app di Windows 10 Mail non funziona”. I problemi sono gli ultimi di una lunga serie di difficoltà recenti che riguardano il sistema operativo più popolare al mondo per desktop. Altri bug segnalati includono impossibilità di connessione alle stampanti USB, bug con la funzione di archiviazione e con Google Chrome.

Leggi anche:  Smart working: oltre il 40% delle aziende era pronto già prima dell'emergenza