Snom stabilisce tempistiche fisse per il rilascio degli aggiornamenti del firmware

Snom stabilisce tempistiche fisse per il rilascio degli aggiornamenti del firmware
Ascolta l'articolo

Nel corso degli scorsi sei mesi le nuove versioni del firmware sono già state pubblicate a distanza di due, massimo tre mesi una dall’altra. L’obiettivo di questo impegno era di incrementare continuamente la qualità e la sicurezza del software fornito dall’azienda e, allo stesso tempo, di dare ai clienti maggiore sicurezza nella pianificazione. E ha funzionato anche durante il lock-down

Domani, domani, solo non oggi… Anche nel settore ITC c’è sempre un buon motivo per non adottare una frequenza di rilascio degli aggiornamenti tecnici ben precisa, rimandandone la distribuzione. Forse per timore che non appena pubblicato l’aggiornamento si identifichi la killer feature che andava assolutamente integrata e che di conseguenza il nuovo firmware perda valore. Ma è un errore – perché non ci può essere e non ci sarà mai una data di uscita ottimale.

Eppure, il firmware dei dispositivi determina in maniera decisiva le prestazioni dei telefoni IP, quindi la soddisfazione del cliente e il conseguente successo del fornitore sul mercato, che si tratti anche solo di aggiungere nuovi font o di introdurre ulteriori sfondi per il display. Tempi di rilascio del software troppo lunghi o irregolari possono diventare rapidamente deludenti per clienti e partner e minare il successo dell’azienda.

Finestre vincolanti per il rilascio del software come criterio di differenziazione dalla concorrenza

“Fino alla fine del 2018 anche in Snom, non era raro che tra i singoli aggiornamenti ufficiali del software passassero dai 6 ai 18”, afferma Jan Boguslawski, Product Owner di Snom. E aggiunge: “Una situazione insoddisfacente, soprattutto per chi ci aveva fornito feedback e suggerimenti per migliorie davvero rilevanti, a volte avevano la sensazione che non ci interessasse affatto – si sbagliavano tanto quanto sbagliavamo noi ad attendere troppo a lungo che giungesse il proverbiale momento perfetto per il rilascio!”

Leggi anche:  Per l’82% dei lavoratori un “robot” potenziato da AI può aiutare a migliorare il benessere mentale

Per questo motivo Snom ha iniziato ad ottimizzare i propri processi software interni e a porre le basi per uno sviluppo sostenibile. L’obiettivo era chiaro: rendere il firmware più preciso e nel complesso ancora migliore con aggiornamenti del firmware più frequenti e affidabili.

“Un buon hardware è certamente importante. Ma in ultima analisi, la chiave del successo sta nella capacità di modificare il firmware per soddisfare le specifiche esigenze del cliente”,  continua Jan Boguslawski. “Cosa intendo dire con questo? Costruire un telefono solido è una cosa. Ma permettere al cliente di personalizzare le oltre 900 funzionalità attualmente in uso e quindi favorire la realizzazione di progetti altamente specifici in qualsiasi settore di mercato è ciò che distingue un produttore come Snom in particolare”.

Telefonia IP sicura

Sin dai suoi albori, oltre 20 anni fa, la telefonia IP è stata indissolubilmente legata alla questione della sicurezza. Snom attribuisce il massimo valore a soluzioni software semplici ma sicure: che si tratti del semplice obbligo di inserire una password per l’avvio di ogni singolo telefono o di test software e hardware di ampio respiro, nei quali si esamina un numero impressionante di apparecchi fisici per individuarne i punti deboli e il potenziale di ottimizzazione.

“Sebbene questi test dal vivo siano molto più complessi di una simulazione virtuale completa, risultano anche molto più pratici. I nostri partner apprezzano molto la nuova frequenza e l’affidabilità del rilascio degli aggiornamenti del firmware, che ne consente la pianificazione, oltre all’alto livello di sicurezza del software.”, conclude Boguslawski.