C’è la conferma: dal 1 novembre il Bonus PC

C’è la conferma: dal 1 novembre il Bonus PC
Ascolta l'articolo

Si potrà usufruire a partire da novembre del voucher di 500 euro per internet veloce, PC e tablet

Rimandato, atteso e finalmente erogato. Sarà disponibile dal 1 novembre il contribuito dato dal Governo alle famiglie italiane per l’attivazione di una connessione internet veloce e per l’acquisto di PC e tablet. Il decreto che regola il Bonus è stato pubblicato in Gazzetta lo scorso ottobre e mette a disposizione, almeno in questa prima fase, 204 milioni di euro per 480 mila famiglie con meno di 20 mila euro di Isee. La misura prevista dal decreto sarà in vigore per un anno, fino al primo ottobre del 2021. Vale la pena ricordare che ai servizi di connettività può essere destinata una somma compresa tra i 200 e i 400 euro, mentre per tablet e PC una cifra tra i 100 e i 300 euro.

Bonus PC: come fare domanda

Il criterio per l’assegnazione dei voucher è ad esaurimento e solo uno per famiglia. Requisito fondamentale, oltre all’Isee, è l’erogazione solo nel caso in cui sia contestuale all’attivazione di un servizio di connettività. Insomma, per ottenere il voucher, è necessario contattare direttamente un operatore internet, sottoscrivere un contratto, della durata minima di un anno, con un soggetto accreditato presso Infratel Italia, e l’acquisto di tablet o PC dovrà essere contestuale all’attivazione del servizio. Non si potrà acquistare un computer o un tablet e, successivamente, richiedere il rimborso tramite voucher.

La ministra Pisano ha informato delle attività svolte in questi mesi dal Dipartimento per Trasformazione digitale, della quale è responsabile, per avviare la copertura di una parte di comuni italiani non serviti da connessioni degne di questo nome nel 2020. Tanto che, entro un anno, Open Fiber (che è concessionario per la costruzione e la gestione della rete a banda ultra larga) porterà in 171 Comuni la sua rete FWA, che rappresenta il miglior ibrido oggi a disposizione per andare oltre le velocità di una ADSL senza copertura locale in fibra.

Leggi anche:  GELLIFY e INNEXT avviano una partnership industriale per supportare l’innovazione delle aziende nell’era post-Covid