TTX sceglie EMC per eliminare la gestione dei nastri

L’azienda sceglie EMC su NetApp, HP, IBM e Compellent per il data center virtuale e le attività di backup e ripristino

EMC Corporation, leader nelle soluzioni e tecnologie per la gestione dell’infrastruttura informativa, ha annunciato che TTX Company, principale fornitore statunitense di servizi di spedizione su rotaia, ha adottato le soluzioni EMC e VMware per l’implementazione del suo data center virtuale e il progetto di backup e ripristino.

Il nuovo data center ha consentito a TTX di aumentare la propria competitività velocizzando l’accesso alle informazioni critiche, virtualizzando il 98% dei server e riducendo in modo significativo i costi operativi associati al processo di backup e ripristino.

“Informazioni veloci ed accurate ci permettono di essere sempre all’avanguardia differenziando i nostri servizi”, ha commentato Rob Zelinka, Director IT Infrastructure in TTX. “In precedenza era difficile monitorare e generare report su prestazioni, affidabilità e disponibilità degli oltre 200.000 carri merci che possediamo. Con EMC, oggi, siamo in grado di gestire ed accedere alle informazioni in tempi molto rapidi riuscendo a soddisfare le esigenze dei clienti”.

TTX ha valutato tecnologie di NetApp, HP, IBM e Compellent in fase di transizione dal mainframe ad un ambiente aperto totalmente virtuale ed ha deciso al termine del processo di valutazione di collaborare con EMC. Per supportare questo ambiente, TTX ha selezionato i sistemi unified storage EMC CLARiiON per la loro scalabilità, che consente anche di soddisfare esigenze di connettività che si evolvono nel tempo. TTX ha scelto inoltre le tecnologie di virtualizzazione di VMware, che hanno ridotto l’ambiente da 500 server fisici a sole 40 macchine ottimizzate. L’azienda ha oggi virtualizzato il 98% del proprio ambiente.

Leggi anche:  A ottobre torna l'appuntamento con Smau Milano

Per ridurre la quantità di storage necessaria a conservare e proteggere i dati aziendali e massimizzare i vantaggi della nuova infrastruttura storage virtuale, TTX ha implementato una strategia di backup and recovery basata su disco con sistema di deduplicazione EMC Data Domain. Con il supporto di EMC e VMware, TTX non ha solo semplificato l’ambiente consentendo al suo team di dedicarsi alle attività di business critiche, ma ha anche ridotto i consumi di oltre il 50% e l’ingombro del data center di circa il 79%.

“L’acquisizione di Data Domain da parte di EMC è stata favorevolmente accolta da noi”, ha aggiunto Zelinka, “La loro tecnologia era già molto solida ma eravamo certi che il suo valore sarebbe aumentato a seguito dell’integrazione con EMC”.

La soluzione di deduplicazione Data Domain ha permesso a TTX di semplificare e gestire più facilmente i dati di backup che possono essere replicati e recuperati per attività di disaster recovery e consolidamento di nastri con il software EMC Data Domain Replicator. In precedenza, TTX spendeva migliaia di dollari al mese e necessitava di tre turni di personale per gestire 20.000 nastri offsite

Inoltre, attraverso l’implementazione di EMC RecoverPoint e VMware vCenter Site Recovery Manager, TTX ha automatizzato i processi di disaster recovery e failback per gli ambienti fisici e virtuali al fine di eliminare complesse operazioni di ripristino manuali e fornire protezione e replica remota dei dati. In questo modo l’azienda ha migliorato in modo significativo i service level agreement e ridotto i costi operativi.

“Anche se una tecnologia all’avanguardia è importante, cerchiamo partner che comprendano realmente il nostro business e le nostre esigenze, presenti e future”, ha concluso Zelinka. “EMC e VMware sono partner ideali perché conoscono bene le nostre esigenze e ci supportano nel raggiungimento dei nostri obiettivi”.

Leggi anche:  VMware: i risultati del terzo trimestre del Fiscal Year 2020