L’Ue decide sull’eCall obbligatorio dal 2015

In caso di incidente stradale il sistema invia in automatico una chiamata di soccorso al numero d’emergenza europeo 112 anche se il conducente è incosciente

Il commissario europeo dell’Industria Antonio Tajani e quello per i Trasporti Siim Kallas hanno proposto di installare obbligatoriamente su tutti i veicoli il sistema eCall di chiamata d’emergenza automatica al numero di pronto soccorso europeo 112. Il provvedimento, che potrebbe salvare 2.500 vite l’anno, partirebbe dal 2015.

Riduce i tempi di intervento

I sistemi di chiamata automatica di emergenza inviano, in caso di incidente stradale, un seganle di soccorso con l’esatta posizione del veicolo. Il sistema funziona anche quando il conducente è incosciente. “In caso di incidente ogni minuto è prezioso per soccorrere i feriti. La tecnologia eCall presenta grandi potenzialità in termini di salvataggio di vite umane grazie alla possibilità di ridurre notevolmente i tempi di intervento dei servizi di pronto soccorso”, ha spiegato Kallas.

Al momento solo lo 0,7% dei veicoli europei è dotato di eCall. Oltrettutto si parla di centralini privati, come nel caso del ConnectedDrive di BMW o l’Emergency Assistance di Ford.

Leggi anche:  SAP Italia diventa plastic free