Bankadati sceglie lo storage di Compellent

Compellent ha annunciato che Bankadati Servizi Informatici, società che presidia l’organizzazione e le tecnologie nel Gruppo Credito Valtellinese, uno dei principali Gruppi bancari Italiani, ha implementato un ambiente Fluid Data basato sulla storage area network (SAN) di Compellent.

Fondata su un’architettura modulare e flessibile con possibilità di espansione, la tecnologia di Compellent consente una gestione storage semplificata, riducendo il TCO.

Con oltre 4.500 dipendenti, il Gruppo Credito Valtellinese si è ampliato costantemente sul territorio italiano negli ultimi anni, a seguito di acquisizioni e aperture di nuovi sportelli.

Bankadati S.I., con lo scopo di seguire in maniera adeguata il piano di crescita del Gruppo, ha ristrutturato per tempo l’infrastruttura IT dipartimentale, sia adottando la tecnologia di virtualizzazione ESX Enterprise di VMware, che riprogettando completamente i suoi due data center situati a Sondrio e Milano (oltre 100 km di distanza l’uno dall’altro).

Una volta realizzato questo primo step (virtualizzazione dei server) la società si è focalizzata sul potenziamento della soluzione di storage proprietaria preesistente, che aveva raggiunto i limiti di capacità.

“Abbiamo valutato con cura diversi produttori di storage, considerando sia gli aspetti economici sia quelli tecnici”, ha dichiarato Christian Manzia, Responsabile del Servizio Architetture Sistemi Dipartimentali di Bankadati S.I.

“Siamo arrivati alla conclusione che lo storage Fluid Data di Compellent presenta decisivi vantaggi rispetto alle altre soluzioni, specialmente per quanto riguarda a capacità di riconfigurare le nostre risorse IT in modo dinamico”.

La soluzione storage utilizzata prima di quella di Compellent, inoltre, richiedeva competenze tecniche specialistiche per essere gestita in modo efficace; tale soluzione era difficile da modificare e necessitava tempi di fermo a volte incompatibili con le esigenze di continuità di servizio.

Leggi anche:  FabricaLab accelera con l’acquisizione di BI Network

La soluzione di Compellent ha eliminato queste difficoltà, consentendo così allo staff IT di focalizzarsi su problematiche aziendali più strategiche.

Un’altra funzionalità importante per Bankadati S.I. è il tiered storage automatizzato di Compellent, che consente all’azienda di gestire e riconfigurare lo storage in modo intelligente, usando risorse di storage ad alte prestazioni solo quando i dati sono attivi.

I dati ai quali non si accede di frequente, ad esempio almeno il 70 percento delle email, sono trasferiti dinamicamente verso dischi SATA più economici e che consumano meno.

Compellent assicura che il giusto equilibrio fra le risorse di storage venga trovato automaticamente, facendo risparmiare una quantità significativa di tempo.

Lo storage Fluid Data di Compellent elimina i problemi di scalabilità e i limiti di crescita tipici di altre piattaforme di storage che non possono essere espanse né aggiornate facilmente. Compellent permette alle organizzazioni di rendere fluidi i propri dati rispondendo più velocemente alle esigenze di business.

I servizi e le applicazioni sono implementati più rapidamente, le informazioni che consentono di prendere decisioni sono sempre disponibili, le nuove tecnologie di virtualizzazione sono gestite agilmente e i dati automaticamente protetti dal rischio di downtime e guasti al sistema massimizzando la continuità del business.

“Lo storage Fluid Data consente una riduzione dei costi e offre nuove capacità alle aziende aiutandole ad aumentare i loro profitti”, ha commentato Andy Hardy, Managing Director International Sales di Compellent.

“Il team di Bankadati S.I. ha riconosciuto nell’innovativa tecnologia storage di Compellent una soluzione che consente un flusso di dati intelligente, automatico ed efficiente per rispondere alle esigenze delle aziende di tutto il mondo”.

Leggi anche:  ASP Italia stringe una partnership con DocFinance

“Le soluzioni Fluid Data di Compellent rispondono completamente alle nostre esigenze e vengono incontro alle nostre aspettative in termini di funzionalità e prestazioni”, ha concluso Mauro Selvetti, Direttore Generale di Bankadati S.I.. “Dubito che avremmo ottenuto gli stessi risultati con qualsiasi altra soluzione”.