Milliman e Foedus insieme per la semplificazione dell’Enterprise Risk Management delle imprese italiane

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non gestire i rischi significa precludersi opportunità di crescita ed esporre l’azienda a criticità economiche e finanziarie di diversa entità, compreso il fallimento

“L’inadeguatezza dei sistemi di controllo interno alle aziende è oggi un limite non più accettabile. Il rischio caratterizza ogni tipologia di business e la sua analisi dovrebbe essere per definizione un tratto distintivo dell’azione imprenditoriale e una priorità irrinunciabile per il suo management”. E’ con questo messaggio che Paola Luraschi, Principal di Milliman, società di consulenza attuariale e strategica accreditata a livello internazionale, dà il benvenuto alla platea di Direttori Generali e Risk Manager delle oltre 30 aziende intervenute all’incontro: “Risk Management: dall’approccio teorico al raggiungimento di risultati”, organizzato insieme a Foedus, specializzata nei servizi di consulenza aziendale e soluzioni software indirizzati a imprese di medie e grandi dimensioni.

L’interesse per il tema della gestione del rischio è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni, alimentato, in primo luogo, dal verificarsi di collassi finanziari che hanno travolto alcune grandi imprese quotate, coinvolgendo migliaia di investitori e, in secondo luogo, dalla perdurante crisi economico-finanziaria, che sta ponendo la quasi totalità delle imprese e dei settori davanti a sfide importanti.

Da qui il riconoscimento dell’Enterprise Risk Management come un processo strategico da affiancare e integrare agli altri già presenti in azienda, da governare in modo continuativo, con soluzioni dedicate, riconosciute e condivise dall’intera organizzazione.

“Una soluzione tecnologicamente avanzata di Enterprise Risk Management – commenta Paolo Messina, CEO del Gruppo Foedus -, presidia tutte le esigenze elaborative e informative dell’azienda, attraverso un modello che va oltre le semplici funzionalità gestionali e con la prerogativa di rendere tali strumenti accessibili a più livelli interni all’azienda anche se privi di competenze tecniche”.

In che modo la volatilità dei prezzi di materie prime, dei tassi di cambio, dello spread sui titoli governativi o di altri parametri finanziari possono influire sulla redditività e stabilità aziendale? In che modo possono essere gestiti con consapevolezza i rischi ineliminabili dall’operatività aziendale, quali ad esempio i rischi connessi all’errore umano, in modo da contenerne gli effetti dannosi? E’ possibile trarre vantaggio competitivo da tali variazioni? Sono tutte domande a cui quasi tutte le aziende prima o poi devono rispondere per poter prendere delle decisioni.

La ricetta di Milliman e Foedus si chiama dunque consapevolezza decisionale: il punto focale del fenomeno non è inseguire la crescita delle informazioni interne ed esterne all’azienda – sempre più voluminose – bensì analizzarle e sintetizzarle in chiave strutturata. L’approccio differenziante consiste proprio in questo mix di competenze delle due società: la riconosciuta esperienza nello sviluppo di modelli di ERM ritagliati sul business del cliente della prima e la progettazione di tool tecnologici personalizzati per facilitare la gestione dei processi decisionali della seconda. Le soluzioni MillimanGRC e Octobus di Foedus traducono infatti i dati – elaborandoli automaticamente in tempo reale – in informazioni condivisibili grazie all’interfaccia user friendly con l’intera organizzazione aziendale.

Le stesse variabili che mettono a rischio il raggiungimento degli obiettivi aziendali possono, tuttavia, divenire fonti di opportunità per chi saprà anticiparle e gestirle correttamente, per esempio traendo vantaggio competitivo da una riduzione nel tasso di cambio mediante la riduzione, simultanea alla variazione, dei costi del prodotto finito. L’Enterprise Risk Management diventa, pertanto, un differenziale che l’azienda può sfruttare per cogliere opportunità di business. Il processo di gestione del rischio diventa, sia uno strumento per prevenire e gestire l’impatto di eventi dannosi, sia un elemento per creare valore.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categorie: Mercato