OpenOffice.org 3.0: è record di download! E Ulteo rende già disponibile la versione utilizzabile online senza installazione

OpenOffice.org
3.0: è record di download! E Ulteo rende già disponibile la versione
utilizzabile online senza installazione

La suite per
ufficio open source fa il pieno di downloads. In un giorno, 390.000 download
nel mondo, 32.000 in Italia. Un record non privo di problemi, le connessioni
simultanee hanno infatti messo a dura prova la banda del sito web ospitante
i files. Nel frattempo, per chi volesse utilizzarlo virtualmente senza doverlo
scaricare, Ulteo ha già reso disponibile la versione appena rilasciata.

OpenOffice.org 3.0 ha superato
qualsiasi previsione, per quanto ottimistica, e ha raggiunto per la prima volta
i 32.000 download in Italia e i 390.000 nel mondo nell’arco di una sola giornata
(più precisamente, tra le 11 – ora dell’annuncio – e mezzanotte), "muovendo"
4,7TB di dati a livello nazionale e 57,6TB a livello mondiale.

Tutto questo traffico ha
messo in seria difficoltà la struttura del sito OpenOffice.org,
le cui pagine ieri sono rimaste per ore irraggiungibili e anche oggi continuano
ad avere dei problemi per il numero degli accessi. Regge tranquillamente, invece,
la struttura dei mirror, per cui il PLIO
ha creato un accesso alternativo ai download sulla home page del sito www.plio.it,
nel riquadro posto immediatamente sotto al contatore dei downloads.

Per chi invece
non volesse scaricare la suite ed invece utilizzarla tramite semplici click
del mouse attraverso il browser web, Ulteo
ha annunciato di avere già messo a disposizione questa ultima release.
Ecco il link per utilizzare direttamente OpenOffice.org online, senza installazione
http://www.ulteo.com/home/ooo

Argomenti
correlati:

Open
Source: intervista a Gaël Duval. L’interoperabilità è la
chiave


Ulteo è un Sistema Applicativo GNU/Linux ad opera di Gaël Duval,
già creatore della distribuzione Mandrake, ora rinominata in Mandriva
Linux. Ulteo è, secondo Duval, un "sistema operativo
facile-da-usare ed open-source che cambierà la maniera in cui le persone
utilizzano i computer". Meno tempo per eseguire attività che dovrebbero
essere riservate a specialisti dei computer e molto del loro tempo per usare
le applicazioni di cui hanno bisogno. A Gaël Duval abbiamo posto
alcune domande

Leggi anche:  Due chiacchiere con Carlo Baffè, nuovo Country Manager di Suse in Italia