Red Hat annuncia i risultati finanziari del secondo trimestre 2010

Red Hat, leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, ha annunciato i risultati finanziari relativi al secondo trimestre 2010, chiuso il 31 agosto 2009.

Il fatturato totale del trimestre è stato di $183,6 milioni, registrando una crescita del 12% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di $156,3 milioni, con un incremento del 15% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

“Le organizzazioni IT continuano ad acquistare soluzioni a valore e Red Hat sta capitalizzando questa esigenza grazie all’ottimo rapporto con i clienti e alla proposta commerciale assolutamente valida. Questi fattori hanno contribuito a una fatturato totale superiore alle aspettative nel secondo trimestre e hanno portato il fatturato legato alle sottoscrizioni a una crescita del 15% sia nel trimestre che nella prima metà dell’anno fiscale 2010.

Siamo ottimisti circa il futuro dell’azienda e riteniamo di essere ben posizionati per la ripresa della spesa IT e dell’economia”, ha commentato Jim Whitehurst, Presidente e CEO di Red Hat. “Oltre a ottimi risultati nel secondo trimestre, abbiamo raggiunto un traguardo importante nei dieci anni di vita dell’azienda perché a luglio siamo stati inseriti nella lista S&P 500”.

L’utile operativo GAAP per il trimestre è stato di $27,5 milioni in crescita del 29% dai $21,4 milioni dello stesso trimestre dello scorso anno. L’utile netto non-GAAP per il trimestre, dopo la compensazione azionaria e l’ammortizzazione delle spese, è stato di $43,6 milioni con un incremento del 21% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.

Il margine operativo non-GAAP è stato pari al 23,7% (quello GAAP pari al 15%), registrando una crescita di 170 punti rispetto al secondo trimestre 2009.

Leggi anche:  Lira, il linguaggio di programmazione open-source firmato eToro

L’utile netto per il trimestre è stato di $28,9 milioni, pari a $0,15 per azione, rispetto ai $21,1 milioni, o $0,10 per azione, del secondo trimestre 2009. L’utile netto compensato su base non-GAAP per il trimestre è stato di $39,4 milioni, pari a $0,20 per azione, a seguito di compensazioni azionarie, ammortizzazioni e spese fiscali.

Questo risultato si compara a un utile netto compensato non-GAAP di $30,1 milioni, pari a $0,14 per azione, registrato lo stesso trimestre dello scorso anno. L’utile netto GAAP e non-GAAP per il trimestre comprende un’indennità fiscale di $7,3 milioni, aggiungendo $0,04 per azione. Escludendo questa indennità, gli utili per azioni sarebbero stati pari a $0,11 GAAP e $0,16 non-GAAP.

Il flusso di cassa operativo ha raggiunto i $62 milioni nel trimestre rispetto ai $54,3 milioni del secondo trimestre 2009, in crescita del 14% rispetto allo scorso anno. Al termine del quarter, il fatturato differito dell’azienda ammontava a $580,9 milioni, con una crescita del 17% rispetto all’anno precedente. Tra contanti ed investimenti convertibili, l’azienda vantava al 31 agosto 2009 una liquidità di $911,8 milioni.

“Nel corso del trimestre, i risultati finanziari di Red Hat sono stati buoni in tutti i nostri parametri principali. Abbiamo ottenuto una crescita a due cifre sia nel fatturato che nel fatturato differito, ampliato i margini operativi non-GAAP e generato un forte flusso di cassa”, ha aggiunro Charlie Peters, executive vice president e CFO di Red Hat. “Siamo particolarmente soddisfatti dell’aumento del fatturato differito associato all’allungamento della durata della sottoscrizione media”.