ProSAP (Gruppo Exprivia): go-live per la maxi commessa nei porti del Messico

ProSAP – società del Gruppo Exprivia attiva nei mercati del Nord e Sud America con sedi in Messico, Guatemala e Perù – ha rilasciato il progetto di armonizzazione dei sistemi informativi di 11 Autorità portuali messicane (APIS), basati sui Sistemi gestionali integrati SAP per la contabilità

Il progetto, realizzato in collaborazione con l’Ente nazionale messicano per il Coordinamento portuale e con le amministrazioni delle Autorità portuali coinvolte, rappresenta un modello di riferimento per le infrastrutture portuali in America Latina e risponde alla precisa volontà del Ministero delle Comunicazioni e dei Trasporti messicano per politiche e criteri unitari di valutazione economica, finanziaria e di bilancio.

Il sistema portuale messicano consta di 117 tra porti e terminal sull’intero territorio nazionale, comprese le zone del Pacifico, Golfo del Messico e dei Caraibi. Questi scali sono attualmente gestiti da 16 Autorità Portuali Integrate (APIS) 11 delle quali sono state coinvolte nel progetto realizzato da ProSAP perché già passate alla tecnologia SAP, mentre per le altre cinque è allo studio un’ipotesi di coinvolgimento. ProsSAP ha realizzato il progetto seguendo tutte le fasi previste dalla direttiva sul piano di “armonizzazione contabile”: la migrazione dei sistemi ERP delle diverse Autorità Portuali, la verifica dei processi di contabilità e l’elaborazione di modelli di reportistica unitari per gli aspetti finanziari e di bilancio.

“Il go-live di questo complesso progetto in tempi così rapidi” commenta Domenico Favuzzi, Presidente e Amministratore Delegato di Exprivia SpA “conferma la capacità e le competenze del Gruppo Exprivia nell’area SAP unita all’approfondita conoscenza dei processi caratteristici del sistema portuale messicano e delle normative a cui gli enti sono assoggettati. E’ grazie alla presenza in questo segmento da oltre 25 anni e al presidio del mercato Messicano con una sede di Prosap, che il Gruppo Exprivia ha ottenuto questo risultato commerciale, confermando la sua capacità di sviluppare soluzioni complesse per il mercato internazionale.”

Leggi anche:  Gig economy e rapporti di lavoro, le imprese navigano a vista

Lo scorso anno, l’area Internazionale, comprendente le sedi in Spagna, Messico, Guatemala, Perù e Brasile, ha incrementato notevolmente i ricavi (+48%), contribuendo per una quota dell’ 11% al volume d’affari del Gruppo.