Dare le dimissioni e non rovinarsi la carriera

Esiste un modo per dare le dimissioni senza creare malumori nell’azienda che si lascia? Sì, e Monster, leader mondiale nel recruiting online, ha stilato un vademecum che comprende le 5 mosse sicure da mettere in campo

1 . Siate preparati ad una controfferta: stabilite prima di dare le dimissioni quale sia la soglia minima per una contro offerta accettabile.

2 . Pensate alle referenze: offritevi di assistere il più possibile nel passaggio di consegne lavorando con impegno fino alla fine e mantenete un contatto con qualcuno in azienda che possa farvi in futuro da referente.

3 . Dite la verità: se state lasciando l’azienda per andare a lavorare per un concorrente, meglio essere onesti e dire la verità: la scopriranno comunque alla fine e questa informazione può risultare rilevante per coinvolgervi o meno su alcuni progetti.

4 . Non siate chiacchieroni: dite che andate via prima al capo, poi ai colleghi. Evitate di lamentarvi dei problemi avuti e sottolineate le cose positive. Assicuratevi di confermare tutto per iscritto dopo la riunione.

5 . Ottenete ciò cui avete diritto: chiedete il più presto possibile notizie relative ai dettagli di eventuali bonus in sospeso, commissioni e ferie in modo da poter gestire eventuali discrepanze. Il passo successivo è capire il periodo di preavviso di solito indicato nel contratto.

Il processo di dimissioni è molto delicato e ha bisogno di attenzione. Infatti, se non gestito correttamente, può avere un effetto negativo sulla propria carriera o sulla propria reputazione.

“In un momento in cui il mercato del lavoro presenta forti ostacoli non solo per chi è senza una occupazione, ma anche per chi cerca di cambiare la propria per una nuova posizione – ha dichiarato Nicoletta Botti Recruiting solution manager di Monster.it – abbiamo voluto stilare un vademecum che sia di aiuto per lasciare un’azienda senza fare terra bruciata”.

Leggi anche:  Wavemaker, l’evoluzione dell’ADV

Indipendentemente dalle ragioni che ci spingono a lasciare il posto di lavoro, occorre dimettersi in modo da non bruciare tutti i ponti all’interno delle imprese.

“Bisogna cercare – ha continuato Nicoletta Botti – di evitare di far nascere potenziali problemi che potrebbero danneggiare il lavoratore. Infatti, coloro che mantengono buone relazioni con i loro ex manager e colleghi hanno di certo migliori possibilità di carriera”.

In ultimo: possiamo festeggiare con i colleghi l’ultimo giorno di lavoro?

Secondo gli esperti di Monster, bere una cosa con i colleghi per un ultimo addio è una buona idea per rafforzare le relazioni ma è altrettanto importante anche porre la giusta attenzione a come si gestisce quest’ultima occasione “sociale”: in poche ore, infatti, il giudizio che gli altri hanno di voi può essere compromesso e si può finire per fare o dire qualcosa che poi verrebbe rimpianto.

Se vi viene chiesto di dire qualche parola in una riunione di addio, un breve “grazie” sarà sufficiente, ma dedicate qualche minuto per conversazioni one- to-one con chiunque meriti una gratitudine speciale.