Da Sharp lo schermo che si adatta ad ogni cruscotto

E’ possibile sviluppare un display per le auto che si adatti ai diversi modelli? La risposta è sì ed è stata presentata al Ceatec Expo in Giappone

Sharp ha presentato ieri il suo progetto di display per il cruscotto delle automobili che può essere tagliato, allargato e modificato per adattarsi ad ogni esigenza. gli LCD classici sono rettangolari, un requisito fondamentale visto che i singoli chip che alimentano il pannello sono montati lungo il bordo dello schermo. I nuovi display di Sharp invece presentano chip incorporati tra i pixel, in modo da avere una forma più libera e, ipoteticamente, di qualsiasi dimensione. Il prototipo dell’innovativo display è stato presentato al Ceatec Expo in Giappone in due versioni. La prima pensata per l’utilizzo in console di controllo, anche industriali, dove macchine e strumenti sono diversi ma c’è bisogno di avere un simile sistema di interazione e lettura, e un altro con una parte superiore a forma di onda, perfetto per i cruscotti delle auto.

La nuova era dell’LCD

Sharp è un nome di punta nel mercato degli schermi a cristalli liquidi. Il suo know-how e reparto di ricerca e sviluppo ha permesso di realizzare un piccolo capolavoro tecnologico, di certo un passo in avanti verso l’adozione di nuovi schermi, non solo pensati in ambito consumer (smartphone, tablet) ma anche industriale. Purtroppo non vedremo schermi del genere nel prossimo futuro. Secondo l’azienda ci vorranno diversi anni prima di vederli sulle automobili, anche in fase di test. Il motivo è molto semplice: la loro produzione è sensibilmente più costosa di quella dei semplici LCD ed è quindi necessario poter bilanciare i costi per restituire al mercato un prodotto innovativo ma anche competitivo. Il rischio è quello di rimanere per sempre con i classici pannelli, almeno fin quando non arriverà un produttore in grado di fornirli a prezzi più concorrenziali. Di certo la tecnologia introdotta da Sharp può tornare utile in futuro. Si pensi alle sempre maggiore presenza di strumenti di infotainment nelle automobili. Le prossime vetture potrebbero integrare telecamere o altri elementi direttamente nel cruscotto, lasciando libero lo spazio centrale del fronte interno per pannelli più grandi e che mostrino informazioni aggiuntive. Insomma le idee non mancano, tocca ora renderle reali, soprattutto economicamente.

Leggi anche:  HANNspree introduce un nuovo tablet PC da 13,3"