Microsoft compra Talko per migliorare Skype

microsoft acquista talko

L’azienda di Ray Ozzie, ex di Microsoft e nel cda di HP, sviluppa soluzioni di collaborazione attraverso gli smartphone

Microsoft, da sempre attenta a seguire gli sviluppi in ambito collaboration, ha confermato l’acquisizione di Talko, una startup fondata dall’ex chief software architect di Redmond, Ray Ozzie. La compagnia, localizzata a Boston, dedica il suo lavoro a sviluppare soluzioni per gruppi di lavoro, famiglie e qualsiasi altro aggregato, che migliorino la collaborazione attraverso gli smartphone. Come si legge sul blog ufficiale di Microsoft, ora il software è pare integrante di Skype, e servirà a implementare gli sviluppi di Skype e della versione for Business.

Acquisti in casa

Non è ancora chiaro in che modo gli utenti Skype potranno sfruttare le funzionalità di Talko, quello che è certo è che dal marzo del prossimo anno chiunque abbia utilizzato la piattaforma di Ozzie dovrà esportare le conversazioni, vocali e testuali, e le foto se non vorrà perdere tutto con la dismissione del servizio. Questo non vuol dire che la startup chiuderà i battenti, anzi. Ray ha confermato a Fortune che rimarrà in sede come i dipendenti degli uffici di Boston, San Francisco e Seattle, da dove continueranno a pensare progetti di integrazione innovativi da applicare ai programmi di casa Microsoft. Una decina di anni fa la multinazionale aveva già acquisito un’altra compagnia di Ozzie, la Groove Networks, specializzata nella realizzazione di tecnologie di collaborazione via PC.

Leggi anche:  Pexip e il mercato italiano