WhatsApp raggiunge il miliardo di utenti

WhatsApp testa la vacation mode
La Vacation Mode di WhatsApp permette di silenziare una chat e le notifiche per i nuovi messaggi

WhatsApp è utilizzato da 1 miliardo di utenti in tutto il mondo e presto integrerà nuovi servizi dedicati alle aziende

WhatsApp ha raggiunto l’incredibile risultato di 1 miliardo di utenti attivi, ovvero un settimo dell’intera popolazione mondiale. L’app di messaggistica è cresciuta a ritmo esponenziale nell’arco di 7 anni e il suo acquisto da parte di Facebook ne ha permesso il definitivo successo. L’annuncio del traguardo di 1 miliardo di utenti arriva direttamente dal CEO di Facebook Mark Zuckerberg, che ha elogiato il lavoro svolto dai due co-fondatori di WhatsApp Jan Koum e Brian Actonper. “La community WhatsApp è più che raddoppiata da quando si è unita a Facebook.  – ha dichiarato il numero uno di Menlo Park – Abbiamo aggiunto delle funzionalità, abbiamo cancellato i costi di abbonamento e abbiamo reso WhatsApp completamente gratuito. Ora stiamo lavorando per connettere più persone in tutto il mondo e rendere più facili le comunicazioni con le aziende. Ci sono solo pochi servizi che connettono più di un miliardo di persone. Questo obiettivo è un importante passo avanti verso l’obiettivo di connettere tutto il mondo”.

WhatsApp è cambiato molto dal suo esordio nel 2009. L’app ha aggiunto nuove funzioni come i messaggi vocali e le chiamate VoiP e ora ha anche cancellato l’abbonamento annuale da 89 cent, diventando così gratuito per tutti gli utenti. Il prossimo passo della chat più popolare al mondo, come ha ammesso lo stesso Zuckerberg, sarà quello di diventare un nuovo strumento per migliorare le comunicazioni aziendali. WhatsApp ha confermato che non guadagnerà dalla pubblicità ma diventerà una piattaforma multi-servizio come sta avvenendo per Messenger. L’unico dubbio riguardante l’enorme successo dell’app risiede nella gestione dei dati degli utenti. E’ ormai assodato che l’app cede le informazioni sui suoi clienti a Facebook ma ancora non è chiaro come queste vengano raccolte e che uso ne venga fatto.

Leggi anche:  Grande partecipazione a OpenDIAG ONLIFE EDITION “dal vivo”