Facebook testa il suo e-commerce in Thailandia

I piani del social network sono chiari oramai da mesi: presto si allineerà a servizi come Line e WeChat che gestiscono acquisti digitali sulla piattaforma

Non è un segreto che Facebook voglia cominciare a gestire i soldi dei suoi iscritti, realmente. Il social network aveva già fatto un passo importante in tale direzione implementando lo scambio di valuta all’interno dell’app di chat Messenger per gli utenti negli Stati Uniti e successivamente introducendo il pulsante “Compra” per le pagine gestite da brand e aziende. Ora, come riportato da diversi portali specializzati, Facebook ha avviato un progetto di test in Thailandia per consentire agli iscritti di acquistare servizi e beni sulla piattaforma pagando senza lasciare le pagine del sito, grazie a Qwik.

Di cosa si tratta

Il servizio si interfaccia con carte di credito, debito e operatori di trasferimento di denaro online, così da permettere un po’ a tutti di sfruttare la funzionalità per portare a termine in maniera semplice le operazioni di compra-vendita. Secondo alcune fonti, presto Zuckerberg estenderà il programma beta anche ad altri paesi del sud-est asiatico, proponendolo a marchi top, sia internazionali che locali, già in possesso di un profilo su Pages. Con una mossa del genere, l’azienda si pone sulla stessa falsariga di Line e WeChat che, nate con scopi decisamente diversi, si sono poi spinti verso i territori inesplorati dell’e-commerce, con discreti risultati. Il raggio di azione di Facebook è decisamente più ampio e, potenzialmente, devastante. Trasformare un miliardo di utenti social in compratori è un sogno che potrebbe realizzarsi molto presto.

Leggi anche:  Bennet presenta "Storie nel carrello": il primo podcast tra le corsie della GDO