Horsa, il presente e il futuro dell’ICT

Varietà dei servizi ed eccellenza verticale per governare la digital transformation. Il General Manager Nicola Basso: «Ci distinguiamo per coraggio, innovazione, talenti e integrazione»

Horsa è un’importante realtà che implementa soluzioni IT destinate alle imprese. Da sempre sinonimo di eccellenza nelle aree ERP, CRM, Business Analytics & Technology, l’azienda ha sviluppato un’offerta di valore anche nelle aree più innovative come Big Data, Internet of Things, Cloud, Predictive ed E-Commerce. La mission di Horsa è infatti quella di «supportare i clienti nella gestione dell’ICT, promuovendo l’innovazione per rimanere un passo avanti nel mercato». Horsa ha conosciuto una crescita consistente negli ultimi anni, frutto di importanti scelte imprenditoriali e di acquisizioni strategiche volte all’espansione in territori e settori ad alto potenziale. A oggi l’azienda conta oltre 450 persone in Italia, Regno Unito e Brasile, per un volume d’affari di 60 milioni di euro. «Ci distinguiamo per la capacità di offrire un set di competenze molto vasto e al tempo stesso molto profondo. Questo è dovuto anche alla nostra storia, fatta di acquisizioni di società a forte specializzazione verticale con competenze diverse, che abbiamo saputo integrare e valorizzare», spiega Nicola Basso, General Manager di Horsa. Tale approccio trova riscontro in un portafoglio di clienti di medie e grandi dimensioni, soprattutto multinazionali o aziende in forte espansione per le quali l’IT è una leva di innovazione strategica.

La capacità di Horsa di selezionare le migliori soluzioni presenti sul mercato e di integrarle è uno dei punti di forza dell’azienda, che usa gli strumenti ICT per portare l’innovazione dove occorre. «Per fare questo è necessario prima di tutto studiare l’esigenza del cliente, quindi saper consigliare un percorso d’innovazione, infine intervenire con la tecnologia più appropriata, salvaguardando gli investimenti già effettuati». Una società del Gruppo, Horsa Digital, si è appunto specializzata nella Digital Transformation per portare ai clienti l’innovazione digitale. La Business Unit “Tecnologia” è inoltre in partnership con IBM per portare sul mercato la piattaforma IBM System ottimizzata per i Big Data, l’hybrid cloud e i nuovi workload. Il digitale oggi è centrale per le aziende leader di mercato, ma se manca un’autentica cultura dell’innovazione, il rischio è di non cogliere pienamente i vantaggi offerti da questa rivoluzione. «Quattro sono le parole chiave per descrivere Horsa – prosegue il manager – coraggio, innovazione, talenti e integrazione. Vogliamo continuare a crescere a doppia cifra, offrendo ai clienti il meglio della tecnologia. E vogliamo continuare a mantenere un livello di eccellenza nel nostro business grazie alle persone che abbiamo. Infine, tramite l’integrazione di competenze diverse, continueremo a supportare i clienti nel loro percorso di eccellenza e di successo».

Leggi anche:  Facebook, altro che metaverso, l’obiettivo è aprire negozi fisici

Può forse sembrare un paradosso, ma proprio nell’era dell’Information & Communication Technology le risorse umane sono uno degli asset principali di qualunque azienda vincente. Per Horsa, la qualità dei collaboratori è un tratto distintivo e fondamentale. L’azienda continua a investire sulla formazione per soluzioni come SAP, JDE; BI e sulle tecnologie ad alta prestazione IBM Power e IBM Storage. Il fiore all’occhiello della formazione all’interno di Horsa è poi l’Academy. «Si tratta di un’iniziativa per valorizzare sia il training di tipo professionale, sia lo sviluppo dei talenti con percorsi dedicati». Horsa Academy è un programma di formazione dedicato ai temi della “Business & Technology Innovation”, che propone ad aziende e privati una propria offerta formativa fatta di workshop e training su tematiche ICT particolarmente innovative, mentre per formare professionisti ICT under 30 c’è il percorso “Talent”. Le potenzialità messe a disposizione dalle nuove tecnologie sono immense, e la vera sfida del futuro sarà quella di estrarre valore dai dati, impattando positivamente sia sul patrimonio informativo che sui processi: «Abbiamo lanciato di recente un format molto innovativo – BAPAlab proprio per portare la scienza del dato presso i clienti», conclude il manager.