Informatica cresce in Italia. Benvenuti nell’era dei dati 3.0

La centralità del dato è un elemento essenziale della digital transformation, e le soluzioni di data management realizzate dalla californiana Informatica sono sempre più richieste

«Portiamo valore al mercato attraverso il dato» – sintetizza Claudio Bastia, direttore generale di Informatica Italia, nel raccontare a Data Manager le nuove frontiere della gestione dati nell’era della digital transformation. In uno scenario nel quale i dati hanno una centralità strategica, in quanto abilitatore numero uno della trasformazione, il data management rappresenta un aspetto chiave: è anche per questo che si parla di dati 3.0, e una società come la californiana Informatica, che è attiva da oltre vent’anni sempre e solo nel data management, non può che prosperare. I numeri sono di tutto rispetto: più di settemila clienti a livello globale, 3.600 persone, oltre 500 partner, più del 17% investito in R&D, e oltre un miliardo di dollari di fatturato nel puro data management, grazie alla piattaforma intelligente di gestione dati di Informatica, che comprende soluzioni per tutti gli ambiti principali, dalla gestione dati nel cloud all’integrazione dei dati, passando per i big data, per la qualità e la sicurezza dei dati fino ad arrivare al master data management (MDM).

Ottima presenza in Italia

L’Italia apporta un interessante contributo a questi risultati, spiega Bastia: «Nel nostro Paese, stiamo crescendo da tempo a tassi interessanti, visto che nel 2015 l’incremento è stato di tre cifre rispetto all’anno precedente, mentre quest’anno ci attestiamo sulle due cifre». Con questi risultati ci si può permettere ottimismo: «Possiamo parlare di crescita sana e duratura: anche se come noto il nostro mercato non è particolarmente brillante, sta dimostrando di premiare le nostre soluzioni e soprattutto il nostro modello di delivery che mette al primo posto un approccio di vendita professionale e a valore» – prosegue Bastia.

Leggi anche:  Resilienza e flessibilità: le qualità di Canon per affrontare le sfide improvvise del business

Più in dettaglio, «degli oltre 50 clienti presenti in Italia, 11 sono stati acquisiti nei primi nove mesi di quest’anno, e in ogni settore di attività, grazie anche all’azione dei nostri oltre 40 partner tra canale e system integrator con i quali operiamo a tutto tondo, nell’ambito della formazione, della vendita e della delivery» – racconta Bastia.

Intelligent Data Platform

La soluzione vincente di Informatica è la “Intelligent Data Platform”, la cui versione più recente è stata introdotta lo scorso maggio, che permette di gestire i dati con funzionalità native, in modo da interfacciarsi con tutti i sistemi. Disponibile on premise, nel cloud o attraverso ambienti ibridi, rappresenta nelle parole dell’azienda «la più grande e più completa piattaforma di gestione dei dati del settore, con soluzioni innovative in tutti i componenti fondamentali per fornire a tutti i livelli un accesso rapido e facile a dati puliti, affidabili e connessi». Tra i componenti principali della piattaforma, vanno menzionati: Informatica PowerCenter, Informatica Data Quality, Informatica Data Integration Hub e infine Informatica Cloud, che fornisce una soluzione completa di tipo iPaaS (integration Platform as a Service), per i dati cloud, l’integrazione di applicazioni e processi, la qualità e la sicurezza dei dati nel cloud.

Flessibilità tecnologica e applicativa

«Offriamo soluzioni leader nel settore della gestione dei dati e siamo convinti che il nostro approccio “Data Powers Business” sia vincente. Informatica ha anticipato i trend relativi ai dati rispetto a cloud, sicurezza, big data e analytics. I clienti sono alla ricerca di un’unica soluzione che li supporti nella gestione dei dati e noi siamo l’unico fornitore in grado di offrire questo approccio completo dall’architettura al prodotto, fino alla value proposition, il tutto attraverso una roadmap precisa. Con la combinazione di scalabilità e innovazione, e grazie alla nostra esclusiva posizione di principale player indipendente – non per altro ci hanno definito “la Svizzera dei dati”, fa notare Bastia – siamo certi di essere lo strumento per vincere la rivoluzione dei dati dei nostri clienti». Le soluzioni di Informatica si concentrano su un concetto di piattaforma intelligente e flessibile di gestione dei dati, «lasciando ad altri player lo sviluppo di repository, appliance, applicazioni e infrastrutture con le quali ci integriamo perfettamente e in alcuni casi anche con relazioni di tipo OEM o embedded» – prosegue Bastia. «In questo scenario, i dati vengono posti al centro dell’attenzione, sostituendo il focus legato in passato alle applicazioni o agli ambienti in cui i dati erano stessi contenuti. I dati acquisiscono potere e vengono resi rilevanti, fruibili e validi. Informatica offre una reale flessibilità tecnologica e applicativa, con massima libertà nelle scelte di acquisto e nelle modalità di implementazione, con l’importante contributo delle nostre partnership tecnologiche, applicative e di delivery» – conclude Bastia.

Leggi anche:  Techyon, la startup HR-Tech italiana che cresce nell’anno del Covid e continua ad assumere