Nokia 8, la fotocamera al centro dell’esperienza mobile

Varie indiscrezioni sul prossimo smartphone della finlandese parlano di un processore Snapdragon 660 e, soprattutto, del ritorno di Carl Zeiss

I telefonini Nokia hanno fatto la storia, è vero, ma non solo quelli di fine anni ’90 e inizio 2000, conosciuti soprattutto per la resistenza dello chassis e la lunga durata della batteria. Ci sono modelli che, per diversi motivi, possono rientrare nella hall of fame dei migliori di tutti i tempi, perché portatori di notevoli e importanti novità nel mondo della tecnologia mobile. Pensiamo agli smartphone che hanno contribuito a sdoganare il cellulare come valida fotocamera, pian piano divenuto il concorrente principale delle compatte amatoriali. Come non ricordare il Nokia N95, ad esempio, un oggetto cult per un’intera generazione, oppure le poche perle dell’era Lumia, che pure ha prodotto oggetti validi e interessanti.

Di cosa si tratta

Il punto che lega device non così diversi nel corso degli anni? Carl Zeiss. Il nome di pregio nella produzione di ottiche professionali è ancora una volta al fianco dell’azienda finlandese, di fatto attiva con la distribuzione di HMD Global, per la realizzazione di un nuovo smartphone conosciuto come Nokia 8. Punto centrale dell’esperienza del telefonino dovrebbe dunque essere la fotocamera con una serie di specifiche interessanti: processore Snapdragon 660, RAM da 3 o 4 GB, memoria interna espandibile, schermo QHD e lettore di impronte digitali, oltre ad Android Nougat in versione pulita ovvero in stile Google Pixel. Non sappiamo ancora quando verrà lanciato e i paesi dove verrà commercializzato ma siamo certi che la rinnovata partnership non potrà che far bene a un mercato sin troppo privo di novità e colpi d’autore. il prezzo però sarà alto: circa 600 euro.

Leggi anche:  Google prepara il suo foldable, grazie a Samsung