WhatsApp rafforza la crittografia su iCloud

Microsoft e Apple per migliorare iCloud su Windows

Le chat salvate sul servizio di Apple adesso sono più sicure per rispondere alle capacità investigative dell’FBI

Chat più sicure sulla nuvola di Apple. Gli utenti con un iPhone e iscritti a WhatsApp possono godere, da qualche giorno, di una crittografia avanzata per le chat salvate su iCloud, il servizio della Mela che permette di effettuare un backup online delle conversazioni, per riprenderle quando si re-installa l’applicazione o si cambia telefono. La stessa procedura è possibile, già da un po’, per la piattaforma Android, tramite Google Drive. Quello che cambia, è che a differenza del recente passato, i messaggi non sono più conservati online con una forma basilare di protezione ma rafforzati, per rispondere alle critiche circa le tecniche di spionaggio dell’FBI.

Turare una falla

In realtà, pare che la volontà dell’azienda di assicurare meglio le chat su iCloud sia dovuta alla necessità di turare una falla precedente, sfruttata potenzialmente dagli agenti federali per spiare le conversazioni degli utenti. Secondo un report di Forbes, a scoprire il bug pare sia stata una compagnia russa, esperta del settore, la Oxygen Forensics, che avrebbe comunicato di poter aggirare le misure di sicurezza per ottenere i dati personali degli iscritti e addirittura il numero di telefono con cui un individuo era iscritto al client di messaggistica. Certo è che la sicurezza informatica, in ogni sua forma, non vive un periodo felicissimo. I recenti rapporti Vault 7 di WikiLeaks hanno dimostrato infatti le scaltre capacità della CIA di intrufolarsi nei sistemi dei dispositivi più usati a livello globale, non solo smartphone e computer ma anche smart TV.

Leggi anche:  Group-IB presenta il suo compendio annuale sul ransomware