Zalando registra una crescita profittevole

Prosegue la forte crescita delle vendite: ricavi in aumento del 23,1% a 980,2 milioni di euro

Zalando chiude il primo trimestre del 2017 con risultati al di sopra della media del mercato e-commerce fashion europeo, grazie a ricavi in crescita del 23,1% a 980,2 milioni di euro (Q1 2016: 796,1 milioni). L’EBIT rettificato si attesta ai livelli dello scorso anno a 20,3 milioni di euro (Q1 2016: 20,2 milioni) con un margine del 2,1% (Q1 2016: 2,5%). Zalando conferma le stime per l’intero anno per una crescita di fatturato nel corridoio del 20-25% e un margine EBIT rettificato del 5,0%-6,0%.

“La nostra priorità è crescere in maniera profittevole, ed è quanto abbiamo raggiunto con la performance del primo trimestre”, afferma il co-CEO Rubin Ritter. “Siamo determinati a conquistare ulteriori quote di mercato e a raggiungere ancora più consumatori in Europa. Per questa ragione continueremo a investire nella consumer experience, in tecnologia e nelle infrastrutture logistiche, così come nella nostra offerta per i brand”.

Zalando ha superato i 20 milioni di clienti attivi al termine del primo trimestre 2017. I clienti hanno effettuato ordini con maggiore frequenza, un risultato che è indice di fedeltà nel comportamento d’acquisto e che è supportato dall’aumento nell’utilizzo di dispositivi mobile. Ciò ha reso possibile una forte crescita sia nel segmento DACH sia nel resto d’Europa, in linea con quanto registrato lo scorso anno, nonostante l’aumento dei volumi. I ricavi nel segmento DACH sono aumentati del 17,0% a 475,0 milioni di euro (Q1 2016: 405,8 milioni) e del 28,0% a 428,3 milioni di euro nel Resto d’Europa (Q1 2016: 334,5 milioni). Tra i vari fattori, la crescita è stata supportata da campagne di marketing rilevanti come ad esempio “Man Box”, con l’attore americano James Franco, e dall’aggiunta di ulteriori brand molto apprezzati come Oysho.

Leggi anche:  Dedagroup: nuove acquisizioni nel segno dello sviluppo sul fronte AI e Data Intelligence

Zalando ha continuato a investire in maniera strategica nelle proprie infrastrutture, così come nella propria offerta ai consumatori e ai brand. Gli investimenti includono, ad esempio, i nuovi centri logistici, il Same-Day Delivery e i piloti sui resi istantanei, che hanno contribuito a migliorare la customer experience. L’aumento dei costi logistici e una contrazione limitata del margine lordo sono stati perlopiù controbilanciati dalla maggiore efficienza delle attività di marketing, le quali traggono beneficio da una brand awareness consolidata e dalla fedeltà della base clienti.

La spesa di capitale nel primo trimestre 2017 si è attestata a 78 milioni di euro, escluse le attività di M&A, e riflette principalmente gli investimenti effettuati in infrastrutture e nello sviluppo in-house di software. Zalando stima una spesa di capitale di 200 milioni di euro per il 2017, escluse le attività di M&A.

Il report trimestrale è disponibile online; la presentazione per gli analisti e gli investitori è disponibile sul sito Zalando Investor Relations. I risultati del secondo trimestre verranno annunciati il 10 agosto 2017, preceduti da un trading update. La data del trading update verrà comunicata in anticipo.