Prodotti software defined

La digitalizzazione proietta Vimar in un mercato dove cicli di produzione, vendita e user experience sono connessi. E l’IT in questo contesto può giocare un formidabile ruolo da protagonista

La digitalizzazione dei prodotti e dei processi aziendali è sempre più pervasiva, con ricadute importanti sui modelli organizzativi e operativi. Per governare un cambiamento che impatta anche le logiche di mercato, l’IT in Vimar ha un ruolo che non si limita solo a rispondere alla domanda che arriva dal business, ma propone soluzioni innovative e abilitanti. «Tutte le iniziative tecnologiche, di innovazione sono inserite in una strategia condivisa» – spiega Francesco Pezzutto, CIO di Vimar. «Un modello di condivisione a cascata impegnativo, aperto alla partecipazione dal management fino ai livelli operativi, ma che permette all’azienda di avere un’unica vision e soprattutto di essere efficaci e allineati nell’implementazione delle varie iniziative».

[amazon_link asins=’0393254291,B01FIXMQ00,0307887898,0061766089,0393634639,B06XC81DKV,B010CLU1LY,B009NOYTIS,1521134367,B00M0ILXD8′ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’df4ce70d-16e9-11e8-91e1-59efbf0953c0′]

Diversa filosofia di leadership

Questo porta con sé una diversa filosofia di leadership. Per Vimar, la trasformazione digitale comporta una maggiore flessibilità nell’adattare in modo dinamico le modalità di lavoro, in funzione delle esigenze delle persone e dell’organizzazione. «L’IT ha la possibilità di giocare un ruolo fondamentale in questi cambiamenti, poiché ha il “privilegio” di avere un presidio costante sullo stato dell’arte delle tecnologie e può proporsi come ”evangelista digitale». In Vimar, la digitalizzazione ha impattato in tutta la catena dei processi aziendali, indirizzandone gli investimenti. A cominciare dalla «connettività dei prodotti, dove l’IoT e i servizi in cloud – che sono l’elemento di forte innovazione e differenziazione – stanno accelerando l’utilizzo sul campo di nuove tecnologie». Per continuare con «l’ERP “in-memory” e la Business Analytics sempre più “real-time” e predittiva, che permettono di interpretare le logiche di mercato in modalità differenti dal passato, a velocità prima d’ora impensabili». Oltre a essere più veloce, Vimar ha dovuto acquisire ulteriori competenze per garantire il governo delle infrastrutture ibride e delle loro applicazioni, con un focus importante sugli aspetti della sicurezza e dell’integrità dei dati.

Al centro di un ecosistema di innovazione

Tuttavia, non sempre è possibile usufruire di skill interni. «L’azienda non è un ecosistema isolato» – riconosce Pezzutto, ma è in simbiosi con il mondo esterno e viene permeata dall’innovazione e dai trend tecnologici. Il nostro modello nell’IT utilizza l’approccio di attingere alle competenze specialistiche presenti nel mercato, di definire in partnership la parte progettuale e di implementare la parte esecutiva con un mix di risorse interne ed esterne dei partner che vengono selezionati. Una modalità che permette di acquisire in modo puntuale il know-how che l’innovazione di volta in volta introduce in azienda, con l’obiettivo poi di poter governare e far evolvere in autonomia le corrispondenti nuove soluzioni o nuovi servizi implementati». Dalla concezione di prodotti e servizi fino all’intero processo di fabbricazione, le tecnologie digitali stanno trasformando i processi industriali, in linea con aspettative come customerizzazione o il concetto di Product-as-a-Service. «I pilastri identificati per gestire al meglio questa trasformazione – conclude Pezzutto – sono i “prodotti smart connessi”, che partendo dalla digitalizzazione dello sviluppo si integrano con i processi di fabbricazione e si completano con l’utilizzo da parte del consumatore finale». Un altro pilastro è costituito dagli “impianti produttivi smart connessi”: gestiti e monitorati in modo da incrementare le performance mediante il controllo real-time. In un mercato dove la smart home è uno dei tasselli fondamentali nella visione della smart city, si sta passando rapidamente da prodotti un tempo considerati semplici commodity a un settore ad alto contenuto tecnologico, sempre connessi e sempre più sofisticati. «L’IT aziendale gioca perciò un ruolo importante: le soluzioni applicative e le infrastrutture che vengono messe a disposizione del business rendono efficaci i processi di business, semplificando le architetture e contribuendo ad arricchire l’esperienza utente».

Leggi anche:  Leadership senza bugie

Visita il sito ufficiale del WeChangeIT Forum, i relatori, gli argomenti, aggiornamenti sulla edizione 2018 e la possibilità di Pre-Registrazione http://www.wechangeit.it/