PayPal ora disponibile tra i servizi di pagamento del Sistema PagoPA

PayTipper e PayPal uniti per consentire una più ampia funzionalità digitale nel sistema pagoPA

Pagare online bollette, tasse, mensa scolastica, bollo auto e molto altro, sarà ancora più semplice. PayPal, supportato da Intesa Sanpaolo, va infatti ad aggiungersi ai metodi di pagamento disponibili su PagoPA

PayPal, supportato da Intesa Sanpaolo, va ad arricchire la gamma dei metodi di pagamento disponibili su PagoPA, iniziativa messa a punto dall’Agenzia per l’Italia Digitale, che consente a cittadini e imprese di effettuare i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione online, con notevoli vantaggi in termini di velocità e sicurezza. Grazie a PayPal, il Sistema PagoPA può avvalersi di un ulteriore metodo di pagamento digitale già utilizzato da circa 6 milioni di italiani e da oltre 200 milioni di persone nel mondo. Intesa Sanpaolo è inoltre presente direttamente sulla piattaforma PagoPA con un servizio di pagamento personalizzato e competitivo che comprende carte di credito, carte prepagate, Internet, cellulare e telefono.

PagoPA ha segnato l’inizio di una nuova era dei pagamenti verso la Pubblica Amministrazione. Pagare la retta scolastica, la tassa dei rifiuti, una multa o altro, in modalità elettronica e comodamente da casa, è solo uno dei vantaggi del sistema, che consente inoltre di conoscere preventivamente il costo dell’operazione, di ricevere un’ulteriore garanzia dell’importo da versare e una ricevuta con valore liberatorio ovvero utilizzabile per attestare l’avvenuto versamento.

Messo a punto dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID), PagoPA è attualmente adottato da 22.000 pubbliche amministrazioni, banche, poste, istituti di credito e privati, identificabili grazie all’esposizione del logo creato per attestare l’adesione alla piattaforma.

“PagoPA è una di quelle piccole rivoluzioni digitali destinate a cambiare in maniera definitiva le nostre abitudini”, ha commentato Federico Zambelli Hosmer, General Manager di PayPal Italia. “Semplificare attraverso il digitale il modo di pagare i tributi, la mensa scolastica ed altri servizi pubblici, significa eliminare le code agli sportelli, i tempi di attesa e contribuire al miglioramento della relazione fra il cittadino e la Pubblica Amministrazione. Il nostro obiettivo consiste nel contribuire a colmare il gap digitale che ancora ci separa dal resto dell’Europa e far sì che sempre più italiani utilizzino PayPal almeno una volta al giorno”.

Leggi anche:  Doppio vantaggio: come la creazione di gemelli digitali aiuta le banche

“Agevolare i pagamenti di cittadini e imprese verso la pubblica amministrazione è un capitolo importante e noi – ha sottolineato Stefano Favale, responsabile della Direzione Global Transaction Banking di Intesa Sanpaolo – stiamo contribuendo a ogni livello per favorire e incrementare la digitalizzazione del Paese, una necessità impellente per sostenere la crescita e la competitività delle imprese e per garantire ai cittadini servizi efficienti, sicuri, e veloci. In quest’ottica Intesa Sanpaolo ha aderito da tempo al Sistema PagoPA con un’ampia gamma di strumenti di pagamento: carte, bonifici, Internet, cellulare, telefono, ai quali oggi si aggiunge uno strumento già molto usato dal cittadino come PayPal; tutti i servizi di pagamento sono inoltre disponibili sulla nostra piattaforma multicanale”.

“PagoPA è stata ripensata nell’architettura, nell’interfaccia utente e nell’usabilità per un approccio agevole e mobile first. Un modo – nelle parole di Diego Piacentini, Commissario Straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale – diverso e più naturale per i cittadini di pagare la Pubblica Amministrazione: più immediato, veloce ed economico per il Paese.  Con PayPal in PagoPA il cittadino ha da oggi a sua disposizione un sistema aperto e flessibile e un metodo di pagamento moderno, capace di innovare il rapporto fra cittadini e pubblica amministrazione”.