Allo Smart Working Day 2018 partecipa AVM

Data Manager speciale Smart Working

In ufficio a Roma da Berlino: le soluzioni IoT di AVM

Anche quest’anno AVM partecipa allo Smart Working Day, il tour di conferenze dedicate al lavoro agile, in scena a Torino, Milano e Firenze. Una giornata per scoprire tutte i vantaggi dello smart working, visto sotto diversi aspetti: organizzativo, legale, tecnologico. Con tanti casi d’ispirazione, spunti e buone prassi.

Ad ogni tappa partecipa AVM, azienda produttrice di dispositivi per la banda larga, il networking e le telecomunicazioni con il brand FRITZ!

Lo Smart Working Day 2017 è stata una piacevolissima sorpresa, anche perché come AVM era la prima volta che partecipavamo ad eventi che parlassero direttamente agli “end user” aziendali come responsabili risorse umane, free lance o aziende. E’ stato sicuramente un modo per parlare con realtà diverse che vogliono approcciarsi alla visione dello Smart Working, molto attente anche all’innovazione degli strumenti che permettano questo passaggio, lasciatemi dire EPOCALE, del mondo del lavoro.” – ci spiega Enrico Cicculli, Channel Sales Account AVM Italia e Responsabile Reseller Channel Italia

Un’azienda come AVM promotrice di innovazione, può assolutamente in prima persona portare la propria esperienza di lavoro Smart, proponendo prodotti sviluppati per creare ecosistemi di lavoro gestibili a distanza, facili ed affidabili: gestione delle VPN , remotizzazione di interni del centralino, gestione applicazioni e conference call sono solo alcuni dei servizi che propone su questo tema.

 “Io penso di essere un fortunato Smart worker. Nella Country italiana siamo un team di 13 persone che da sempre lavorano da remoto collegandosi alla VPN aziendale in sede a Berlino, utilizzano lo Smartphone per connettersi all’ufficio di Milano o annaffiano le piante in ufficio a Roma con la soluzione FRITZ! per IoT.”

Un posto di lavoro decentralizzato e un orario flessibile ci risparmiano chilometri nel traffico, riducono stress e consumi. Secondo AVM non c’è nessun motivo logico perché questo non debba accadere, però, ci sono due fattori pratici abilitatori non trascurabili.

Leggi anche:  Software AG, nuove nomine e rinnovato impegno per l’Italia

“Il primo è di carattere meramente psicologico-sociale: è necessario uscire dalla logica del lavoro in un orario preciso e del cartellino da timbrare. E questa è una sfida tanto per l’imprenditore quanto per il dipendente, che sembra banale ma non lo è nella pratica.”

La produttività, in una miriade di contesti nuovi, non è più commisurata alla quantità oraria dimostrata, ma dalla capacità organizzativa e flessibilità dei propri carichi di lavoro. E poi, nascono continuamente realtà dove il lavoro arriva dall’integrazione di diverse aziende, basti pensare alla nascita sempre più frequente di sedi co-working in tutto il mondo, dove fanno dello scambio e l’interconnessione tra realtà differenti uno dei principi fondamentali.

“Il secondo fattore abilitante è tecnologico. La banda larga è infatti un requisito fondamentale abilitante. La fibra di vetro ed il 5G sono fantastiche opportunità, ma devono essere fruibili secondo le mie esigenze. Sembra scontato, invece in Europa é stato necessario emanare una regolamentazione sulla Net Neutrality per garantirci il diritto di fare quello che vogliamo con la nostra linea Internet senza condizionamenti delle grandi aziende. Questo é importante perché se ad esempio voglio fare home office, ho bisogno che il mio modem router sia configurabile per connetterlo da remoto al mio ufficio o che abbia un livello di affidabilità superiore a quello medio. Questo posso farlo solo se il mio operatore mi fa scegliere l’apparato che voglio.”

Tra i punti cardine di AVM bisogna assolutamente ricordare: lo sviluppo interamente in-house di hardware e software dei dispositivi, il tutto è quindi made in EU.

L’azienda propone una soluzione All-In-One: veloce e semplice da configurare, sicura perché adotta i più innovativi standard di sicurezza, personalizzabile grazie alle policy di networking flessibili e Intelligente grazie all’ottimizzazione delle reti wireless.

Leggi anche:  Forum Bilancio 2020 con il sostegno di Wolters Kluwer Italia

In sintesi, innovazione e performance danno vita ad uno stesso portafoglio prodotti, funzionali a differenti mercati che vanno dall’uso domestico più basilare all’uso small business dei clienti più esigenti. Oggi i prodotti di AVM sono presenti all’interno delle più grandi reti distributive sia consumer che Business fino ai mercati online più conosciuti, oltre ad avere solide partnership consolidate con i maggiori player di telecomunicazioni.

Durante lo Smart Working Day 2018, AVM presenterà le funzionalità più importanti a supporto di chi si vuole approcciare al mondo del lavoro Smart aiutandoli a capire come possano semplificare il loro business. I primi appuntamenti si sono tenuti a Torino e ieri a Milano, seguirà l’ultima tappa a Firenze (Montelupo Fiorentino) il 5 giugno.

Per info: www.smartworkingday.it