Nintendo Switch Online arriva a settembre

YouTube su Nintendo Switch
Google ha deciso di lavorare sodo nei mesi scorsi per portare la compatibilità della sua piattaforma sulla Nintendo Swtich

Il servizio di cloud gaming debutterà subito dopo l’estate a un prezzo di 19,99 euro ogni 12 mesi. Ecco i vantaggi

A oltre un anno dall’arrivo nei negozi, la vendutissima Nintendo Switch è ancora priva di un servizio di gaming online. L’attesa però sta per finire visto che Switch Online è destinata a debuttare entro settembre. La piattaforma cerca di partire col botto, a fronte di prezzi in abbonamento davvero interessanti. Si parla infatti di 3,99 euro al mese, 7,99 euro al trimestre e 19,99 euro all’anno per un accesso singolo mentre il canone annuale per un massimo di 8 Switch, dunque 8 persone diverse sarà di 34,99 euro, poco più di 4,37 cadauno ogni 12 mesi. Il client, che è per Nintendo quello che sono rispettivamente PS Network e Xbox Live per Sony e Microsoft, promette un bel po’ di vantaggi per gli utenti.

Di cosa si tratta

Tra questi la possibilità di salvare le partite sul cloud e di accedervi in un secondo momento anche da un’altra console. Poi l’apertura al catalogo speciale Nes per Nintendo Switch Online, ovvero una selezione di giochi in retro gaming portati apposta sull’ibrido della casa. Per ora si parla di titoli come Super Mario Bros, Donkey Kong, The Legend of Zelda e molti altri, per un totale di 20. Il focus del servizio connesso però sarà il multiplayer, vera caratteristica determinante sulla concorrenza.

Come accade su PS4 e Xbox One X, la parte locale resterà totalmente giocabile in modalità gratuita, mentre le sfide contro gli altri utenti dovranno poggiarsi su un abbonamento valido. Poco male, visto che qui il prezzo è decisamente inferiore a quello dei competitor e non di poco. Nintendo ci ha tenuto a specificare che alcune app tutt’ora disponibili che utilizzano la rete, come la condivisione social, rimarranno gratuite, cioè non ci sarà bisogno di una sottoscrizione a Switch Online, necessaria solo per videogiocare in remoto e sfruttare la nuvola.

[amazon_link asins=’B01N5OPMJW,B01MS894C1,B06XSYL18F,B0772CRKVG’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’631e5a87-539b-11e8-be3f-69931f7c27b9′]

Leggi anche:  Ex di Dropbox denunciano discriminazione di genere in azienda