Apple conferma: la tastiera dei MacBook è tutta nuova

Dopo lo smontaggio di iFixit ecco il documento interno che spiega a cosa serve lo strato anti-polvere inserito sui modelli 2018

La settimana scorsa vi avevamo raccontato l’ennesimo smontaggio dei ragazzi di iFixit, all’opera per mettere allo scoperto i segreti dei recenti MacBook di Apple. Dall’analisi, era emerso che la tastiera dei notebook della Mela integra ora uno strato ulteriore, creato per prevenire la formazione della polvere e dunque problematiche di battitura future.

La mossa di Cupertino sarebbe arrivata anche senza le lamentele delle ultime settimane, quando un importante numero di utenti aveva riportato vari malfunzionamenti ai tasti dei loro portatili, con una concreta difficoltà nell’interagire correttamente con software specifici. Dopo il teardown di iFixit è arrivata la conferma, seppur ufficiosa, di Apple; i MacBook 2018 conservano lo stesso design dei precedenti, con Touch Bar, ma con un deciso miglioramento alla keyboard, che la rende meno rumorosa e incline allo sporco.

Cosa sappiamo

MacRumors ha ottenuto un documento interno in cui Apple informa i cosiddetti Authorized Service Providers delle novità introdotte con l’ultima generazione, che vanno a impattare anche sulle procedure di riparazione dei terminali. “La tastiera ha una membrana sotto il copri tastiera, per impedire ai detriti di entrare nel meccanismo a farfalla – si legge nel documento – e per questo anche la procedura per la sostituzione della barra spaziatrice è cambiata rispetto al modello precedente. La documentazione e i video di servizio saranno disponibili quando verranno spedite le prime parti di ricambio”.

MacRumours ha inoltre specificato che gli Apple Store e i riparatori autorizzati non potranno sostituire le tastiere dei vecchi modelli con quelle dei nuovi, visto che le componenti di terza generazione sono esclusive per il MacBook Pro 2018. L’affermazione della compagnia rimane poco chiara ma secondo gli esperti, ciò sarebbe dovuto al fatto che le nuove tastiere non sono retrocompatibili con gli esemplari del 2016 e del 2017, quindi, anche se installate, causerebbero problemi per nulla banali.

[amazon_link asins=’B071X9QRQW,B07BY58GB4,B071RVR6QM’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’f3d3f1ee-8e88-11e8-85ea-8f8f7c370833′]

Leggi anche:  Svolta storica per Apple, ognuno potrà riparare i suoi iPhone