Elon Musk vuole l’esclusiva su Twitter per salvare il suo buon nome

SpaceX invierà gli astronauti della Nasa nello Spazio

Twitter bloccherà qualsiasi account non verificato con il nome di Elon Musk. In Rete circolano diverse truffe legate alle cryptomonete che sfruttano la fama del CEO di Tesla per rubare soldi agli utenti

Di Elon Musk ce n’è uno solo ma non su Twitter. All’interno del social network infatti prolificano i falsi profili che sfruttano il nome del CEO di Tesla per organizzare vere e proprie truffe. Attraverso questi profili si offrono grandi occasioni di fare soldi attraverso cryptovalute come i Bitcoin ma alla fine le vittime si ritrovano solamente con in mano un pugno di mosche. Il fenomeno è talmente diffuso che lo stesso fondatore di SpaceX, che ha posticipato i voli turistici verso la Luna al 2019, si era chiesto chi fossero gli autori di questi comportamenti illeciti riconoscendogli una certa abilità nell’avergli rubato l’identità.

Twitter ha deciso di correre ai ripari per fermare le truffe veicolate attraverso la sua piattaforma e tutelare l’immagine di Musk. Da oggi chi cambierà il nome del proprio profilo in quello del numero uno di Tesla verrà bloccato dal social network. Si parla degli account non verificati, quindi quelli che hanno ricevuto la conferma via SMS da parte dell’azienda di San Francisco. Per poter riavere possesso del profilo bisognerà fornire a Twitter il numero di cellulare per consentirgli di effettuare ulteriori verifiche e allo stesso tempo avere un contatto a cui fare riferimento nel caso si venga scoperti a compiere truffe online con il nome di Elon Musk. Questa è solo l’ultima iniziativa del social network per combattere i comportamenti scorretti. Oltre ad aver bloccato la pubblicità di cryptovalute, che spesso si rivela solo uno strumento per raggirare gli utenti, l’azienda ha anche cancellato bot e falsi profili dal computo dei follower di milioni di iscritti.

Leggi anche:  Energia Zero Truffe lancia la guida gratuita al Canone TV 2021. Modalità di pagamento ed esenzioni che non tutti conoscono